Rassegna Stampa | Titoli principali quotidiani del 21 ottobre 2019

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:14

Le principali notizie riportate sulle prime pagine dei cinque quotidiani più venduti in Italia.

 

Corriere della Sera

-“Manovra, resa dei conti nel governo”

Renzi lancia l’appello ai delusi di Forza Italia: venite con noi. Zingaretti: viene meno l’interesse a proseguire con chi fa il furbo

Di Maio al premier: «Senza i 5 stelle l’esecutivo non esiste». Oggi il vertice di maggioranza

Gli avvertimenti lanciati da Giuseppe Conte non hanno sortito l’effetto sperato e Luigi Di Maio non ha mutato i suoi convincimenti. Lo stesso dicasi di Matteo Renzi, che intanto ha invitato gli esodati di Forza Italia a unirsi alla sua Italia Viva. Il Ministro degli Esteri è tornato a ribadire l’essenzialità del voto del M5S per la tenuta del governo. Il leader del M5S, riferendosi ai toni alti dello sfogo di Giuseppe Conte, ha dichiarato “Devo dire che i toni di queste ore mi meravigliano, mi sorprendono e ci addolorano”, per poi subito ribadire cheIn politica si ascolta la prima forza politica che è il M5S, perché se va a casa il M5S è difficile che possa esistere ancora una coalizione di governo”. Oggi si terrà il vertice di maggioranza che avrà il compito di chiarire, forse definitivamente, la questione Manovra economica. Un vertice che sarà ben lungi dal discutere soltanto i dettagli tecnici della legge di bilancio, come pronosticato inizialmente deal Presidente del Consiglio. Il M5S vuole inserire tre proposte che i grillini ritengono “imprescindibili”: carcere per i grandi evasori, abbattimento dei costi del Pos e tasse al 15% per le partite Iva.

-“La foto, l’alcol poi lo schianto”

-Morire in discoteca a 19 anni”

Le giovani vittime del sabato sera

Erika, 19 anni, e  Giorgio Casella (17 anni) e Kevin Vincenzo La Ciura (16 anni) sono le tre vittime di un altro sabato sera drammatico per i giovanissimi. Giorgio Casella e Kevin Vincenzo La Ciura sono morti in un terribile incidente stradale avvenuto nel palermitano: la loro macchina è uscita di strada ed è finita in una scarpata, prendendo fuoco subito dopo. Feriti gravemente i tre amici che si trovavano nell’abitacolo con loro. La giovane Erika invece ha perso la vita in una discoteca di Sovigliana (Vinci, Firenze) a seguito di un malore forse causato da un mix mortale di alcol e droga.

 

Il Sole 24 Ore

-“Casa, famiglia e partite Iva: che cosa fare adesso”

Il rilancio del bonus. Occasione per ripensare il tax planning tra lavori e risparmio energetico

L’impatto sulla «flat». A confronto il prelievo tra ordinario, forfait attuale e possibile riforma

-“Per i mutui è corsa alle surroghe”

Taglio ai costi. I «cambi» sono raddoppiati in settembre e ottobre rispetto a un anno fa grazie ai tassi sui livelli minimi. Il fisso è l’opzione sempre più usata, anche tre volte di fila

 

La Gazzetta dello Sport

“Inter Guarda che Lula”

Pazza risposta alla Juve

L’Inter ha rischiato di racimolare una sconfitta che avrebbe avuto il sapore della beffa. In vantaggio per 4 reti a 1, i nerazzurri di Conte si sono visti rimontare fino al 4-3 finale. In gol sono andati Lukaku e Lautaro (una doppietta ciascuno). L’Inter è sempre all’inseguimento della Juve, ma adesso sta col fiato sul collo della Vecchia Signora: -1 in classifica.

-“Pioli pari amaro”

Il tecnico al debutto. Rossoneri due volte in vantaggio e due volte raggiunti. A San Siro finisce 2-2

Calhanoglu a Piatek non bastano

Buon Milan, il Lecce lo gela al 92’

Debutto e compleanno amari per Stefano Pioli. Il suo Milan, alla sua prima panchina, non è riuscito a vincere come tutti si sarebbero invece augurati. Il Lecce, a San Siro, è stato bravo a rimontare il risultato per ben due volte, con gol beffa al 92esimo minuto. Pioli, con molta umiltà e maturità calcistica, ha riconosciuto che la colpa della sconfitta è tutta da imputare al gioco del Milan: “Spirito e anche idee e giocate in alcuni casi ci sono stati, ma se non abbiamo vinto è colpa nostra. Certe partite una squadra come la nostra le deve portare a casa. Il Milan ha giocatori di qualità, dobbiamo solo lavorare per tirarla fuori con continuità”.

 

La Repubblica

-“Manovra, ancora tu”

Ennesimo vertice

Oggi Di Maio chiuderà correzioni su partite Iva e commercianti. Italia Viva: piano famiglia da cambiare

Conte: “Ragioniamo, più coesione”. I sindacati: “Attenti alle modifiche, pronti a scendere in piazza”

Renzi: “Avanti fino al 2023”. Ma chissà con quale premier

 -“Il Cile brucia, torna l’esercito dei tempi bui”

America latina, la crisi si allarga ad altri Paesi

 

La Stampa

-“Di Maio: senza di noi il governo è a rischio”

I grillini respingono l’ultimatum di Conte: oggi CDM sul carcere agli evasori

Zingaretti: basta sparate. Renzi ai delusi di Forza Italia: venite con noi

-“Santiago del Cile, i carri armati per le strade”

Le proteste che stanno divampando in Cile hanno mietuto, fino a ora, dieci vittime. Le ultime due sono morte carbonizzate nel tentativo di saccheggiare un grande magazzino dedito alla vendita di materiali per edilizia e bricolage. La BBC ha fatto sapere che a Santiago del Cile, capitale del Paese, è stato sancito un coprifuoco che dovrà essere osservato dalle ore 22:00 alle ore 07:00 del mattino successivo. Lo stato di emergenza, per il momento, è stata dichiarato per due settimane. Soldati a centinaia stanno sorvegliando del strade della città: non succedeva dal 1990, e cioè dai tempi della fine della dittatura di Pinochet.

Maria Mento