Consigli medici per il volo: mai masticare un chewing gum, ecco perché

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:34

Chewing GumUn medico britannico ha spiegato ai passeggeri per quale motivo non si dovrebbe mai masticare un chewing gum durante un volo.

Prendere un aereo può essere un’esperienza traumatica. L’idea che si è “sospesi” in aria e che il velivolo possa avere un’avaria e precipitare può essere disarmante e costringervi a scegliere a vita qualsiasi altro mezzo di trasporto. Eppure gli aerei sono i mezzi più sicuri che ci sono in circolazione (basta controllare a livello statistico il numero di incidenti) e, salvo errori umani (nella fase di volo o nella manutenzione), il rischio è ridotto al minimo.

La paura, però, è difficile da controllare e se non raggiunge livelli estremi viene gestita dai passeggeri in modo diverso. C’è chi si aggrappa ai braccioli del sedile, chi chiude gli occhi e respira profondamente, chi ha bisogno del contatto umano, o semplicemente mastica un chewing gum nervosamente. Quest’ultimo rimedio, però, è altamente sconsigliato ed il perché lo ha spiegato un medico britannico in una breve intervista al ‘Mailonline’.

Mai masticare un chewing gum su un aereo

Le motivazioni per non usufruire dell’antistress sono più di una e vanno dal rischio di soffocamento a quello incrementare in modo fastidioso la quantità di aria all’interno del proprio organismo. A precisa domanda sulla gomma da masticare sugli aerei, il medico dice: “Dimenticatele. Masticare un chewing gum ci fa incamerare molta più aria come bere acqua frizzante o bibite”. Quindi si rivolge a coloro che le utilizzano per contrastare gli effetti della pressione sulle orecchie: “Comporta anche il rischio di soffocamento se c’è una turbolenza o un atterraggio brusco. Muovere la mascella o sbadigliare è un modo più sicuro per sturare le orecchie”.