Giovanni Toti e il suo endorsement verso Berlusconi: “È l’unico a destra che può ambire al Quirinale”

Giovanni Toti ha rilasciato alcune dichiarazioni a ‘La Verità’ a favore di un’eventuale elezione di Silvio Berlusconi come Presidente della Repubblica nel 2022.

Fanno discutere le parole del presidente della Regione Liguria e leader di ‘Cambiamo!’, Giovanni Toti, in un’intervista rilasciata a ‘La Verità’.

Queste le parole rilasciate da Giovanni Toti in riferimento all’elezione del prossimo Presidente della Repubblica che si terrà nel 2022: “A destra l’unico che ha le carte in regola è Silvio Berlusconi, e lo dico non avendo taciuto i suoi difetti. Fuori dai partiti, l’alternativa è Mario Draghi, che sarebbe un ottimo presidente”.

Toti ha anche aggiunto che Draghi potrebbe essere un’altra valida alternativa, questa volta al di fuori di qualsiasi partito politico: “L’Italia sta vivendo una crisi di sistema, come ai tempi del crollo della Prima Repubblica: all’epoca ci salvò Carlo Azeglio Ciampi, oggi potrebbe salvarci Draghi. Un altro banchiere centrale. Questa è la storia che si ripete. Un nuovo ‘metodo Ciampi’? “Ci sono in effetti profonde analogie”.

Toti e il suo sostegno verso Berlusconi: “A destra è l’unico che può ambire al Quirinale”

Molti vedono in queste parole di Toti un’ambizione a lasciare l’ormai a lui stretta Regione Liguria per provare a intraprendere una carriera politica a livello nazionale. Insomma, qualcosa che non ha niente a che vedere con il “metodo Ciampi” citato da Toti nel corso dell’intervista a ‘La Verità’.

Queste parole di stima verso Berlusconi potrebbero, infatti, far pensare a una strategia simile. Vedremo quello che succederà nei prossimi mesi.