Caso Ilva di Taranto, spunta il mistero dei 300mila euro investiti dalla Lega in azioni ArcelorMittal

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00

È rottura totale tra il governo italiano e i vertici di ArcelorMittal, che hanno deciso di lasciare l’Ilva di Taranto dopo la caduta dello scudo penale. E mentre Conte promette battaglia in tribunale, spunta il retroscena delle azioni dal valore di 300mila acquistate dalla Lega

La Lega ha investito 300mila euro in bond di ArcelorMittal. Spero che arrivati a questo punto pensino ai lavoratori e non ai soldi che hanno investito”. L’accusa è di quelle gravi e a lanciarla è stato l’ex viceministro dell’Economia del M5S Stefano Buffagni. Non è stato proprio l’ex viceministro, in prima persona, a fare la scoperta ma c’è un riferimento specifico a una notizia che è stata pubblicata- con tanto di documentazione provante a margine- nel libro Il libro nero della Lega”, scritto da Giovanni Tizian e Stefano Vergine ed edito da Laterza in questo 2019.

La Lega ha 300mila euro di azioni di ArcelorMittal? Investimenti leghisti per il valore di 1,2 milioni di euro

300mila euro di investimenti in azioni ArcelorMittal, e un totale di 1,2 milioni di euro se si aggiungono gli investimenti in Gas Natural e Mediobanca. Parliamo degli investimenti in obbligazioni societarie che la Lega ha fatto in questi anni. Questione che, specialmente con quanto sta avvenendo sulla situazione che vede fortemente contrapposti ArcelorMittal e governo italiano (dopo l’abbandono dell’Ilva di Taranto al suo destino), è salita agli onori della cronaca. Soprattutto perché mostrerebbe come ufficialmente la Lega si mostri dalla parte dei cittadini, per andare sotto sotto a finanziare le multinazionali. Ma, come fanno notare soprattutto i grillini, ancora una volta Salvini ha evitato di rispondere a delle domande che gli sono state poste in merito.

La Lega ha 300mila euro di azioni di ArcelorMittal? Il video accusatorio pubblicato sulla pagina Facebook del M5S

La situazione viene spiegata in un breve video della durata di circa 30 secondi pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale del M5S e accompagnato da un post abbastanza corposo di cui vi proponiamo, di seguito, un stralcio:

Dai diamanti in Tanzania ai bond di Arcelor Mittal. Salvini che si dice, a parole, contro l’Europa delle banche, dovrebbe spiegarci, perché il suo partito avrebbe investito, a scopo di lucro, 300 mila euro in obbligazioni dell’azienda franco-indiana che ha acquistato l’Ilva e che ora minaccia di recedere, unilateralmente, dal contratto firmato con lo Stato. Infatti, quella stessa Lega, a parole sovranista, che chiede di reintrodurre l’immunità penale per Arcelor Mittal, secondo diversi organi di stampa, avrebbe investito 300 mila euro proprio in un bond corporate di Arcelor Mittal. Cioè dice di essere dalla parte dei cittadini, dei lavoratori, contro i poteri forti, ma investe soldi in obbligazioni di multinazionali straniere. Da “prima gli italiani!” a “prima i franco-indiani”, in questo caso. A parole fa finta di combattere l’Europa “serva di banche e multinazionali”, salvo poi schierarsi sempre dalla parte di quest’ultime. È forse per questo che la Lega, invece di prendersela con la multinazionale franco-indiana, e difendere i lavoratori come sta facendo l’esecutivo, si è scagliata contro il Governo? Salvini scappa e non risponde, come sempre, come ieri mattina, a precisa domanda, dice di chiedere all’amministratore della Lega su questi investimenti.(…)”.

Salvini scappa e non risponde, come sempre, come ieri mattina a precisa domanda”, si legge nel prosieguo del post. E nel video viene proprio mostrato un veloce scambio di batture che il leader della Lega intrattiene– dopo aver partecipato a una manifestazione Coldiretti, a Roma- con una giornalista della DIRE in merito a questi famosi 300mila euro. “Però “La Lega ha delle azioni di ArcelorMittal?”, chiede la donna. Salvini pone a sua volta una domanda, come se chiedesse di ripetere perché non ha compreso il contenuto della precedente (La lega ha…?”) e la giornalista ripropone la domanda precedentemente fatta (“Delle azoni per 300mila euro di Arcelor Mittal?”). Salvini appare quindi in evidente difficoltà, e infatti risponde che: “Guardi, io ho 10mila di azioni e non ce le ho di ArcelorMittal, quindi la Lega… chieda all’amministratore. Onestamente non mi occupo di borsa, mi occupo di politica”.

Maria Mento