Beatrice Cossu, ex allieva del Collegio, rivela: “Ecco quanto ci hanno pagato”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:50

Attraverso il suo canale Youtube, Beatrice Cossu, ex allieva del “Collegio”, rivela alcuni piccoli retroscena sul reality show.

Come ogni edizione, “Il Collegio” è, soprattutto sul Web, un vero e proprio fenomeno di costume. Quest’anno, complice soprattutto la presenza del giovane Mario Tricca, “nuovo eroe” dei social, il programma sta registrando un numero spropositato di interazioni, soprattutto su Twitter dove, ogni martedì, l’hastag del programma è trend topic.

Rispetto alle varie dinamiche del programma, sono tanti gli internauti a porsi diverse domande, domande alle, attraverso il suo canale Youtube, ha deciso di rispondere Beatrice Cossu che ha partecipato alla terza edizione del programma. La ragazza, parlando di un compenso economico dato ai ragazzi che partecipano al “Collegio”, ha raccontato:

“Molti ci chiedono se ci hanno pagato o se l’abbiamo fatto per i soldi. A dire la verità ci hanno pagato 50 euro per ogni settimana che noi rimanevamo all’interno del Collegio. Alcuni di noi, quelli che hanno fatto tutto il percorso, sono rimasti 4 settimane (quindi fate 4 per 50), invece chi è uscito prima ha guadagnato di meno. Era una cifra indicativa. Noi, non essendo attori, non avevamo un cachet. Eravamo dei ragazzi normali che vivevano una vita normale, quindi non avevamo un compenso alto”.

Beatrice Cossu: “I sorveglianti sono degli attori”

Parlando, invece, dei sorveglianti, Beatrice ha spiegato che, a differenza dei ragazzi, sono degli attori:

“Non siamo attori, anche perché sarebbe difficile essere un attore 24 ore su 24. Non siamo attori: io ero una ragazza normale, che faceva danza e andava a scuola, che ha passato un provino. I sorveglianti invece so che sono degli attori. Nella loro vita fanno tutt’altro lavoro. La sorvegliante, per esempio, è un’attrice. Invece i professori sono realmente dei professori nella vita reali, ma sono bravi a interpretare una parte”.

Maria Rita Gagliardi