Elezioni regionali in Emilia-Romagna, Pizzarotti contro la destra: “I cittadini non si faranno ingannare”

Il sindaco di Parma Federico Pizzarotti ha rilasciato un’intervista la Repubblica e ha ampiamente parlato delle prossime elezioni regionali in Emilia-Romagna, spiegando perché appoggia il candidato della sinistra

Gli emiliani e i romagnoli non si lasceranno ingannare da Matteo Salvini: parola di Federico Pizzarotti. Il sindaco di Parma, un tempo grillino (oggi guida “Italia in Comune”), ha deciso di appoggiare il candidato democratico Stefano Bonaccini, già Presidente uscente, alle prossime elezioni regionali del 26 gennaio 2020 in Emilia-Romagna. Pizzarotti presenzierà alla tre giorni indetta dal Pd a Bologna, che è iniziata proprio oggi e si concluderà domenica 17 novembre 2019.

Federico Pizzarotti contro la destra in Emilia-Romagna, il sindaco di Parma appoggerà il candidato dem Bonaccini

Federico Pizzarotti (sindaco di Parma e leader del Movimento “Italia in comune”) ha le idee molto chiare sulle prossime elezioni regionali che sono in calendario dopo quelle dell’Umbria, e cioè quella della “vicina di casa” Emilia-Romagna. Il sindaco di Parma sosterrà il candidato dem Stefano Bonaccini. Innanzitutto, secondo lui, il Pd non deve commettere nuovamente l’errore di allearsi- a livello locale- con il Movimento 5 Stelle, e già l’esperienza umbra dovrebbe aver insegnato che è una cosa che non può funzionare perché frutto di un mero matrimonio di interesse. In seconda cosa, Pizzarotti è sicuro che cittadini non si faranno incantare dalla Lega e la manifestazione antileghista di Bologna– con una piazza gremita di gente (il Corriere della Sera riferisce di 15mila persone)- sembra dargli ragione. Tutte le sue motivazioni l’ex grillino le ha esposte in un’intervista rilasciata a La Repubblica.

Federico Pizzarotti contro la destra in Emilia-Romagna, ecco perché Salvini non vincerà

Vediamo di seguito qualche stralcio dell’intervista realizzata da Giovanna Casadio, che ha chiaramente chiesto al politico se secondo lui Salvini e compagni riusciranno nell’impresa di vincere la seconda elezione regionale di fila “in casa” dei dem.  “Io credo di no, perché è una sfida che parte in modo sbagliato, senza contenuti e puntando come al solito sulla pancia. Salvini– ha detto Pizzarotti- ha fatto aperitivi in giro e detto due o tre banalità da piazza. Gli emiliano romagnoli sono abituati ai contenuti. Il presidente della Regione è il sindaco di quella regione. La persona fa la differenza. Bonaccini ha fatto bene e può guidare l’Emilia Romagna per altri cinque anni“.

Pizzarotti ha specificato che non si candiderà di persona, ma che ha chiesto qualcosa di specifico in cambio del suo sostegno a Bonaccini: Ho chiesto sia valorizzato il nostro programma sui temi ambientali: a Parma abbiamo affrontato la questione rifiuti e qualità dell’aria. Abbiamo una esperienza e competenze. Oggi l’ambiente è all’ordine del giorno ma a parole. E siamo del resto lontani dall’ambientalismo dei Verdi fatto di No a tutto, più vicini ai Verdi tedeschi che puntano su crescita e infrastrutture“.

Maria Mento