Parla il carabiniere del baciamano a Ilaria Cucchi: “Un gesto spontaneo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:42

Ilaria Cucchi

Nessun esibizionismo: il carabiniere che ha fatto il baciamano a Ilaria Cucchi avrebbe agito spontaneamente. Le sue parole

Di quel gesto, immediatamente successivo alla condanna di quattro agenti per l’omicidio di Stefano Cucchi, si è ampiamente parlato nelle ultime ore e l’immagine che lo ritrae è divenuta rapidamente virale. Si tratta del baciamano di un carabiniere ad Ilaria Cucchi, sorella di Stefano che per dieci anni si è battuta affinchè venisse fatta giustizia. Arrivando alla sentenza di condanna. Il gesto fatto nell’aula bunker di Rebibbia ha diviso i social: da un lato c’è chi ha lodato il carabiniere per aver donato agli uomini dell’Arma un’immagine positiva, parzialmente offuscata per anni. Dall’altro però c’è chi ha sostenuto che l’uomo abbia agito per solo esibizionismo. Sta di fatto che Ilaria Cucchi ha deciso di condividere sul suo profilo Facebook lo scatto accompagnato dal seguente messaggio: “Una giornata difficilissima. Questa per me è stata una carezza. Mi ha scaldato il cuore. Questo per me è un carabiniere vero”.

Le parole del carabiniere autore del ‘baciamano’

Trascorso un giorno l’autore del gesto ha deciso di rompere il silenzio e spiegare le ragioni alla base di quel gesto: “Non mi aspettavo tutto questo clamore”, ha detto l’ufficiale, che lavora nella cittadella giudiziaria di piazzale Clodio, “Mi sono sentito di farlo e l’ho fatto”. Per poi difendersi: “È stato un gesto spontaneo. Non si è trattato affatto di esibizionismo. Il nostro ruolo è quello di farci da parte e non stare sotto i riflettori. Io e i miei colleghi conosciamo la famiglia Cucchi da tempo, lavorando qui da anni nelle aule del tribunale”. Concludendo poi con: “Non voglio e non posso dire altro”.