La presenza delle Ong aumenta il numero dei migranti in mare? Uno studio smentisce l’ipotesi pull factor

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:44

La presenza delle Ong in mare non farebbe aumentare il numero di migranti che cercano di attraversare il Mar Mediterraneo per approdare nel nostro paese.

Questo è quanto viene affermato da due ricercatori italiani, Eugenio Cusumano e Matteo Villa, che hanno studiato – basandosi su dati ufficiali fornit dalle agenzie delle Nazioni unite e dalle guardie costiere italiana e libica – i flussi migratori negli ultimi cinque anni.

La ricerca, condotta per lo European University Institute e riportata quest’oggi da Repubblica.it, si basa sugli sbarchi in Italia da ottobre 2014 e ottobre 2019, e smonta di fatto il cosiddetto “pull factor”, secondo il quale la presenza delle Ong in mare potrerebbe un maggior numero di migranti ad affrontare il viaggio dalla costa libica alle nostre coste.

Ad influire realmente sul numero delle partenze sono stati gli accordi tra Italia e Libia: in tal senso, quindi, gli accordi voluti dall’allora ministro dell’interno Marco Minniti sono stati decisivi per l’abbattimento del numero delle imbarcazioni partite.

Ong e pull factor, i numeri smentiscono l’ipotesi

Secondo le statistiche raccolte dai due ricercatori (riportate sempre da Repubblica. Purtroppo non siamo riusciti a ritrovare la ricerca) nei cinque anni presi in considerazione dallo studio le navi delle Ong hanno soccorso complessivamente 115.000 migranti su 650.000.

Ma la presenza di queste navi non ha avuto alcuna influenza sull’aumento dei migranti pronti ad affrontare il viaggio: nel 2015, infatti, il numero complessivo delle partenze risulta in calo rispetto all’anno precedente nonostante sia l’anno del “boom” delle Ong – che hanno aumentato il numero di soccorsi dallo 0,8 al 13 per cento.

Allo stesso modo, nella seconda metà del 2017 – per effetto degli accordi bilaterali voluti da Minniti – il numero degli sbarchi è crollato nonostante le tante navi umanitarie presenti (navi che dall’agosto hanno dovuto sottoscrivere il Codice di condotta per le Ong impegnate nelle operazioni di salvataggio dei migranti in mare).

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!