Gravi lesioni cerebrali durante un combattimento di pugilato, muore un’atleta dilettante di 26 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:10

La 26enne Saeideh Aletaha (nota anche come Sai) è morta per le lesioni cerebrali che ha riportato durante un incontro di box. La ragazza era un’atleta dilettante. Il dramma si è consumato a Southampton questo fine settimana

Una ragazza di 26 anni, che era un’atleta di pugilato dilettante, ha perso la vita lo scorso fine settimana dopo aver combattuto sul ring contro un’avversaria. Questo è il secondo caso di morte registrato in poche settimane tra le fila del pugilato femminile, amatoriale e non, in Gran Bretagna: appena due settimane fa era toccato a Nicola Rattray, 18 anni e da poco mamma di una bimba piccola, ritrovata morta in casa in circostanze non chiare. Nel caso di Saeideh Aletaha (questo il nome della giovane riportato da Metro.co.uk) è stato invece accertato che a ucciderla siano state le gravi lesioni rimediate nel corso di un combattimento: la ragazza è crollata sotto i colpi della contendente ed è morta in ospedale il giorno successivo.

Subisce lesioni cerebrali mortali in un incontro di boxe, così è morta la 26enne Saeideh Aletaha

Southampton, Central Hall. Un incontro di box femminile tra atlete dilettanti, andato in scena sabato sera, si è concluso nel sangue con la morte dell’atleta 26enne Saeideh Aletaha. La ragazza, una studentessa di origini britannico-iraniane, era membro della palestra Lookborai di Southampton e stava partecipando- nella categoria leggeri– al Fast & Furious Fight, un evento organizzato da Lookborai e Exile Gym. La richiesta di soccorso ha raggiunto i servizi di ambulanza con una telefonata effettuata alle ore 20:50 di sabato sera. Il giorno dopo il cuore di Saeideh Aletaha ha smesso di battere.  La polizia dell’Hampshire ha dichiarato che è stata aperta un’indagine su quanto avvenuto.

Subisce lesioni cerebrali mortali in un incontro di boxe, il ricordo della sua palestra

La palestra di Lookborai ha voluto tributarle un omaggio sulla sua pagina Facebook: “Dopo l’incontro di sabato ci rammarichiamo di annunciare che una delle nostre compagne di squadra purtroppo ha subito un infortunio che l’ha lasciata in una condizione critica dalla quale, tragicamente, non si riprenderà più. Saeideh Aletaha era una persona adorabile, con un’anima meravigliosa. (…) Si è unita a noi solo pochi mesi fa ma è diventata parte della famiglia e ci mancherà molto. Questa notizia è un duro colpo per tutti noi della palestra e per l’intera comunità. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alla sua famiglia”.

Maria Mento