Stuprarono una ragazza e si diedero il cinque: condannati a 7 anni e mezzo di carcere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:00

condannati per stupro

Due giovani italiani sono stati condannati a 7 anni e mezzo di prigione da scontare nel Regno Unito. Hanno stuprato una 23enne filmando tutto per poi abbracciarsi e darsi il cinque

Dovranno trascorrere sette anni e mezzo della loro vita dietro le sbarre. E’ pesantissima la condanna inflitta a due giovani italiani per lo stupro di una donna avvenuto due anni fa in un nightclub di Londra. Lorenzo C., 26 anni e Ferdinando O., 25 anni, hanno violentato una 23enne riprendendo lo stupro con uno smartphone. Pur avendo sempre sostenuto che si trattasse di un rapporto consensuale, la corte li ha giudicati entrambe colpevoli con l’aggravante delle immagini riprese da una telecamera di sorveglianza dopo l’abuso sessuale: nel filmato si vedevano i due amici darsi il cinque dopo aver stuprato la ragazza, visibilmente ubriaca come mostrato nelle medesime immagini registrate prima che venisse portata in uno sgabuzzino. Lorenzo e Ferdinando sono usciti da quello sgabuzzino sei minuti dopo, portando la 23enne in bagno dopo averle sistemato i vestiti e lasciandola lì. Poi tra gesti d’intesa, il cinque e un abbraccio i due hanno anche riguardato le immagini dello stupro catturate con il telefonino.

Prima i baci nel locale, poi la violenza sessuale nello sgabuzzino

Nel corso del processo è emerso che il primo incontro con la ragazza è avvenuto verso le 2 del mattino del 26 febbraio 2017 sulla pista da ballo del Toy Room ad Argyll Street e qui avevano iniziato a baciarla. Solo un’ora dopo lo stupro la 23enne è stata trovata nel bagno e portata a casa da una coppia francese ma la sua coinquilina ha dovuto immediatamente chiamare un’ambulanza dato il suo stato. Ne è seguita un’operazione in ospedale, in seguito alle lesioni riportate dalla giovane. Per oltre un anno i due giovani sono riusciti ad evitare l’arresto, tornando in Italia. Ma nel marzo 2018 il 25enne è stato arrestato all’aeroporto di Heathrow: aveva fatto ritorno a Londra per assistere ad una partita. Il secondo giovane ha invece contattato la polizia britannica concordando il suo rientro nel Paese dove è stato in seguito arrestato. La conferma della condanna a sette anni e mezzo di carcere è stata resa nota dall’emittente Sky News.