Nave si ribalta con 14.000 pecore a bordo: salvato l’equipaggio mentre per gli animali non c’è stato niente da fare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:55

Nava carica di pecore si ribalta

Domenica scorsa una nave mercantile con oltre 14mila pecore a bordo si è rovesciata al largo delle coste rumene. L’equipaggio è stato tratto in salvo, ma gli animali sono affogati.

Secondo la notizia riportata dal noto sito Green Me, la nave Queen Hind sarebbe affondata poco dopo la partenza, avvenuta verso mezzogiorno dal porto di Capu Midia, sulla costa del Mar Nero in Romania e diretta verso Jeddah, in Arabia Saudita.
La nave mercantile di 85 metri trasportava 14.000 pecore e si  è ribaltata a dopo solo poche centinaia di metri di navigazione per cause ancora sconosciute, anche se da parte della ONG Animals International è arrivata l’accusa, diretta all’equipaggio, di aver sovraccaricato la nave.

Nave si ribalta poco dopo la partenza, intervento della guardia costiera

Il tempestivo intervento congiunto della Guardia costiera, degli agenti di polizia e dei vigili del fuoco ha permesso di trarre in salvo tutto il personale di bordo e, al termine del salvataggio, si è cercato di portare all’esterno della nave le pecore, ma la maggior parte degli animali è morto affogato in seguito all’allagamento della stiva, e solo poche pecore sono state portare a riva. Mary Pana, presidente dell’associazione Acebop ha lasciato la seguente dichiarazione, pubblicata dal The Guardian: “La nostra associazione è scioccata dal disastro. Se non riusciamo a proteggere il bestiame durante i trasporti a lunga distanza, dovremo vietarlo apertamente”.

La Romania è il terzo più grande allevatore di pecore in Europa, dopo Gran Bretagna e Spagna: ogni anno partono circa 100 navi cariche di pecore, che gli attivisti chiamano “navi della morte”, poiché gli animali rischiano di morire durante il viaggio a causa delle terribili condizioni di trasporto. Il bestiame è principalmente diretto verso i mercati del Medio Oriente.

Lo scorso luglio, l’allora commissario europeo responsabile della salute e della sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, ha chiesto a Bucarest di interrompere il trasporto di 70.000 pecore nel Golfo e ha richiesto alla Commissione europea di indagare sulle pratiche di trasporto degli animali che partono dalla Romania

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!