Un consigliere leghista accusa: “Violenza sulle donne? Nel 90% dei casi è falsa”. Il partito si dissocia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:46

Nel giorno in cui a livello internazionale si condanna la violenza sulle donne, un consigliere leghista sostiene che nel 90% le denunce sono false.

Proteggere il nostro prossimo dalla violenza altrui dovrebbe essere un istinto naturale ancor prima che un dettame di natura religiosa e civile. In special modo bisogna proteggere chi è più in pericolo e soggetto a violenza. A tale scopo in questi anni stanno nascendo campagne di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, contro il bullismo e le altre forme di odio, qualunque sia la sua forma. Lo spirito generale della giornata contro la violenza sulle donne, dunque, dovrebbe essere quello di analizzare ed evidenziare un fenomeno che purtroppo non cessa di esistere ed anzi sta vedendo un leggero incremento (dati Istat alla mano). Una volta fatto questo mandare un messaggio chiaro: la violenza sulle donne è inaccettabile.

Non la pensa evidentemente così il consigliere emiliano della Lega Umberto La Morgia che, proprio nel giorno in cui si deve estendere un messaggio così importante, ne manda uno di senso opposto sul proprio profilo Facebook scrivendo: “La violenza non ha sesso” inizia il post che poi prosegue con “Se vogliamo veramente parlare di pari opportunità, vorrei far presente che esiste anche la violenza delle donne sugli uomini, purtroppo ancora poco riconosciuta, poco condannata e poco dibattuta. Violenza non solo fisica, ma che si manifesta anche attraverso l’alienazione parentale (la distruzione del rapporto padre-figlio da parte della madre) e le migliaia di false denunce che le donne usano per avvantaggiarsi sull’uomo in sede di separazione civile, il quale spesso viene ridotto al lastrico”. Se già il voler mettere sullo stesso piano due fenomeni nemmeno lontanamente vicini per percentuali mettendoci nel mezzo la questione divorzio e affidamento dei figli (che poco ci azzecca con l’argomento trattato), il consigliere chiude il suo post scrivendo: “Il 90% delle denunce di violenza di uomini su donne sono false e vengono archiviate intasando procure e tribunali. Ma questo non fa notizia”.

Violenza sulle donne, la Lega scarica il consigliere

Le affermazioni del consigliere leghista sono state duramente avversate dagli esponenti del PD. Ad esempio il segretario PD  per la Regione Emilia Romagna ha detto: “Le parole del consigliere comunale di Casalecchio Umberto La Morgia, non mostrano solo la sua ignoranza, ma rappresentano quello che pensa la Lega e che vorrebbe fare in Emilia-Romagna: cancellare e nascondere la violenza contro le donne e tornare al modello di famiglia ‘padre padrone’ cosa che già stanno cercando di fare a Forlì”.

In questo caso anche la Lega non è d’accordo con le parole del suo consigliere. A dirlo a chiare lettere è il segretario della leghista in Emilia Gianluca Vinci: “Il consigliere La Morgia parla evidentemente a titolo personale con affermazioni da cui ci dissociamo. Le sue parole, inopportune non cancellano però la verità dei fatti: la Lega al governo ha dimostrato concretezza nella lotta alla violenza contro le donne, tanto da aver portato in aula il Codice Rosso, che oggi è legge”.