Infermiere arrestato: ha stuprato una paziente affidata alle sue cure

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:32

Mohamed Kamara, infermiere del Royal London Hospital, è stato condannato per lo stupro di una paziente. I dirigenti lo hanno rimosso dall’ordine.

Nel marzo del 2017, Mohamed Kamara, infermiere del Royal London Hospital a Whitechapel, è stato assegnato al controllo di una paziente. L’assistenza personale era stata decisa poiché si temeva che la donna fingesse i disturbi per cui era stata ricoverata. L’uomo, però, invece di accertarsi delle reali condizioni della paziente ha approfittato del suo stato di confusione mentale. Prima ha cercato di farle inghiottire delle pillole per farla addormentare, quindi l’ha stuprata nel letto dell’ospedale.

Conclusa la violenza, l’uomo l’ha costretta a farsi una doccia ed ha cambiato le lenzuola per eliminare ogni traccia della violenza sessuale. Quando la donna è tornata dalla doccia, l’infermiere l’ha minacciata, intimandole ulteriori sofferenze qualora avesse deciso di rivolgersi alla polizia. Dopo l’accaduto la paziente ha sofferto di uno shock post traumatico e solo tempo dopo aver fatto ritorno a casa ha trovato il coraggio di confessare la violenza subita alla figlia.

Infermiere condannato per lo stupro della paziente: viene rimosso dall’ordine

Kamara è stato arrestato con l’accusa di stupro nel luglio del 2018 e successivamente condannato per il reato commesso. In seguito alla condanna dell’uomo, il consiglio degli infermieri e delle ostetriche ha valutato: “Il consiglio ha valutato non solo il fatto che si trattasse di una seria condanna, ma anche come questa rappresentasse un grosso squarcio nella fiducia e un abuso della sua posizione”, spiega il portavoce. Lo stesso aggiunge che in considerazione di questi fattori dunque è stata presa un’importante decisione: “L’unica sanzione che protegge adeguatamente i pazienti e che soddisfa l’opinione pubblica è cacciarlo dall’ordine”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!