Nuovi arresti per l’omicidio Luca Sacchi: in caserma anche la fidanzata Anastasya

Svolta nelle indagini per l’omicidio di Luca Sacchi, il ragazzo di 24 anni ucciso con un colpo di pistola alla testa nella notte tra il 23 e il 24 Ottobre scorso, mentre si trovava davanti a un pub nella zona di Colli Albani a Roma.

Questa mattina i carabinieri del Comando Provinciale di Roma, su richiesta della Procura, hanno notificato cinque ordinanze di custodia cautelare, emesse dal gip di Roma, a carico di Valerio Del Grosso e Paolo Pirino – già detenuti per concorso in omicidio pluriaggravato, rapina aggravata, detenzione illegale e porto in luogo pubblico di un’arma comune da sparo -, e di un 22enne, che avrebbe materialmente armato i due presunti assassini del giovane personal trainer romano.

Il provvedimento restrittivo coinvolge anche Anastasya, la fidanzata della vittima

La 25enne ucraina è stata sottoposta alla misura di obbligo di firma in caserma per aver tentato di acquistare un ingente quantitativo di droga.

Secondo il sostituto procuratore Nadia Plastina, la Kylemnyk avrebbe cercato di acquistare – insieme a un 24enne ex compagno di scuola di Luca, per il quale è stato disposto il carcere -, un grosso quantitativo di droga e per questo motivo è stata sottoposta all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria: “Noi eravamo lì per guardare il fratellino più piccolo che stava dentro al pub”, aveva dichiarato poche ore dopo l’omicidio, ma le sue parole non avevano convinto gli inquirenti.

Più tardi, alle 11:00, nella Procura di Roma, verranno resi noti tutti i dettagli dell’operazione, alla presenza del procuratore facente funzioni Michele Prestipino e del procuratore aggiunto Nunzia D’Elia.