Omicidio Sacchi ricostruito attraverso le intercettazioni: “Voglio fa un casino”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:08

Le intercettazioni del telefono di Valerio Del Grosso hanno permesso agli inquirenti di ricostruire l’omicidio di Luca Sacchi.

Nelle scorse settimane sono stati tanti i dubbi sulle circostanze che hanno portato all’omicidio di Luca Sacchi. Le perplessità riguardavano soprattutto la posizione di Anastasiya, la fidanzata della vittima, e di Giovanni Princi, amico di lunga data di Luca. Gli investigatori, infatti, hanno da subito sospettato che quella avvenuta la sera della morte dell’istruttore di palestra non era una semplice rapina. Ben presto si è scoperto che i due avevano organizzato una compravendita di Marijuana e che Valerio Del Grosso e Paolo Pirino erano i venditori.

Restava da capire se Luca Sacchi fosse a conoscenza della compravendita o se ignara vittima di un affare illegale andato male. A sciogliere molti dubbi sull’accaduto sono state le intercettazioni del telefono di Valerio Del Grosso. Proprio questo, infatti, aveva preso accordi con Princi e la ragazza per lo scambio e sempre lui era andato a controllare che i ragazzi avessero la cifra richiesta. Proprio la voglia di protagonismo del ragazzo accusato dell’omicidio di Luca Sacchi è stato ciò che ha portato a questo tragico esito.

Omicidio Sacchi, le intercettazioni di Del Grosso

Stamane i Carabinieri hanno notificato cinque misure cautelari, tra le quali spicca quella per Anastasiya. Nelle ore successive sono stati pubblicati anche alcuni estratti delle intercettazioni che hanno permesso di capire l’andamento della vicenda. Dopo l’incontro con i due ragazzi, Del Grosso si fa venire l’idea di rubare il denaro. Prima di farlo, però, chiama Marcello De Propris e gli dice: “Ascoltami, ma se famo invece comeeee… sentime, a parte i scherzi, sto con un amico mio che conosci, bello fulminato! Ma se invece io vengo a prendeme quella cosa che mi hai detto ieri e glieli levo tutti e settanta? Vengo da te… te faccio un bel re…”.

Presa quella cosa (la pistola), Del Grosso torna nel luogo dell’incontro con Pirino, il quale colpisce Anastasiya e Luca con la mazza da baseball. Luca reagisce all’aggressione e atterra Pirino e a quel punto l’altro aggressore gli spara un colpo in testa. Nelle intercettazioni si capisce come il ruolo di De Propris sia quello di fornire la droga, ma il fatto che abbia fornito l’arma del delitto a Del Grosso lo rende accusato anche di complicità in omicidio.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!