Sondaggi elettorali al 2 dicembre: Lega sempre in testa, stabile il PD mentre crolla l’M5S

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:14

Gli ultimi sondaggi elettorali rivelano come la Lega di Matteo Salvini sia sempre in testa alle preferenze degli italiani, mentre l’M5S perde consensi.

All’indomani della giornata più complicata dell’attuale governo, spaccato sulla questione Mes e attaccato duramente dalle opposizioni, i programmi di approfondimento politico hanno portato i risultati dei sondaggi sulle preferenze degli italiani. D’altronde, data la crisi, non è da escludere che l’alleanza di governo, già nata da un fragile accordo, possa cedere nei primi mesi del 2020. Dunque quale sarebbe il risultato delle elezioni se si andasse a votare oggi? La situazione che emerge dai sondaggi (ecco i risultati dei precedenti) non è molto dissimile da quella dello scorso agosto, con la Lega sempre favorita ma non dotata di maggioranza assoluta. Vediamoli dunque nel dettaglio.

I sondaggi elettorali del 2 dicembre: la Lega è sempre in testa alle preferenze

Partiamo dal sondaggio di Tecné presentato ieri sera nel programma Mediaset ‘Quarta Repubblica’. Al primo posto come detto c’è il partito di Salvini con il 34,7%, seguito a distanza dal PD con il 19%. In netto calo l’M5S che è sceso al 15,8%. Il quarto partito è Fratelli d’Italia con il 9%, seguito da Forza Italia con l’8,1%. Staccato Italia Viva di Matteo Renzi con solo il 4,1%.

Il secondo sondaggio che vi sottoponiamo è quello del Tg di La7. Anche in questo caso in testa c’è la Lega con il 33,8%, seguita dal PD con il 17,7%. Il Movimento 5 Stelle perde uno 0,3% rispetto all’altro sondaggio e viene presentato con il 15,5% delle preferenze. In crescita invece Fratelli d’Italia che qui ha toccato la soglia del 10%, mentre di molto inferiori le stime su Forza Italia che in questo caso ha solo il 5,1% di preferenze, solo lo 0,2% in più di Italia Viva con il 4,9%. In questo, però, si tiene conto anche dei partiti minori come Sinistra Italiana, I Verdi, +Europa e il neonato Azione di Carlo Calenda che esordisce con un lusinghiero 3,3%.