Sparatoria alla base navale: uccide due persone e si toglie la vita. Ignoti i motivi del gesto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:56

A Pearl Harbor – nelle isole Hawaii -, storica base navale dove è stanziata la flotta statunitense, nel primo pomeriggio di ieri un militare avrebbe improvvisamente aperto il fuoco uccidendo due persone e ferendone una terza, dopodiché si sarebbe tolto la vita sparandosi un colpo alla testa.

Non si conoscono ancora i dettagli e le motivazioni dell’efferato gesto

Le vittime sarebbero civili dipendenti del dipartimento della Difesa di Washington. Nella base, infatti, militari e civili vivono insieme alle loro famiglie.

Pearl Harbor, nel Pacifico centrale, a 13 Km da Honolulu, la capitale dell’arcipelago, è tristemente famosa per l’attacco subito dagli Stati Uniti la mattina del 7 dicembre 1941 da parte della flotta aerea giapponese, in cui morirono oltre 2300 americani e a seguito del quale gli Stati Uniti dichiararono guerra al Giappone, sancendo definitivamente l’ingresso degli USA nel secondo conflitto mondiale.

Il prossimo 7 Dicembre ricorre il 78° anniversario dell’attacco aereo e, in questi giorni, alla base, rimasta chiusa per più di un’ora, ci si stava preparando per le celebrazioni di rito.