Violentavano la figliola di due anni: genitori arrestati. Progettavano di abusare del loro figlio non ancora nato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:59

Una coppia di genitori pedofili è stata tratta in arresto dalle Forze dell’Ordine dell’Oklahoma. I due hanno violentato la figlia di due anni e progettavano di fare le loro stessa cosa con il loro secondo figlio, non ancora nato

Orrore in  Oklahoma (Stati Uniti d’America). Gerrard Coddington (25 anni) e sua moglie Christina Nelson-Coddington (29 anni) sono stati arrestati lunedì scorso per aver commesso abusi sessuali sulla loto figlioletta di due anni. Altri abomini, inoltre, sono stati scoperti grazie all’esame delle chat che i due intrattenevano tra loro su internet. La coppia, che viveva nella Pauls Valley, è stata giudicata colpevole e condannata al carcere a vita, senza possibilità di chiedere la libertà condizionale. La vicenda è stata raccontata da Metro.co.Uk.

Coppia arrestata in Oklahoma per aver violentato la figlia, un uomo e una donna condannati al carcere a vita

Una coppia di genitori orchi e pedofili sono stati arrestati e condannati al carcere a vita in Oklahoma per gli abominevoli abusi commessi sulla loro figlia, una bimba di due anni. Si tratta a del 25enne Gerrard Coddington e della moglie, la 29enne Christina Nelson-Coddington. Pare che i due abbiano legato la bimba, per mezzo dell’uso di un paio di manette, che l’abbiano picchiata e abusata sessualmente.

Poi hanno avrebbero ideato dei piani– scoperti tramite l’analisi delle loro chatper fare la stessa cosa con il loro secondo figlio, non ancora nato perché Christina Nelson-Coddington è incinta. Tra i reati che vengono contestati alla coppia ci sono quelli di stupro, di abusi sessuali su minori, di incesto e di creazione di immagini pedopornografiche. Pare, infatti, che altri minori (e non solo la figlia) siano rimasti vittime degli abusi perpetrati dai diabolici coniugi.

Coppia arrestata in Oklahoma per aver violentato la figlia, l’indagine è partita da Facebook

Il Procuratore Generale dell’Oklahoma, Mike Hunter, si è espresso in merito a quanto commesso dai coniugi e ha definito i lor crimini “i peggiori che abbia mai visto”.

Queste sono persone malvagie che rappresentano un pericolo per la società. Mi congratulo con la decisione del giudice Edwards di ritenerli responsabili nella misura massima consentita dalla legge. Applaudo gli investigatori e il National Center for Missing and Exploited Children, l’investigatore del mio ufficio e la Task Force Internet Crimes Against Children, e gli avvocati che hanno lavorato su questo caso per raggiungere un risultato positivo“, ha dichiarato ancora il Procuratore.

L’arresto dei coniugi Coddington è stato messo a segno nel corso dello scorso mese di giugno, e cioè quando i due hanno condiviso su Facebook delle immagini sconvolgenti. Così sconvolgenti da sollecitare l’intervento dei moderatori (si parla di moderatori probabilmente in riferimento a una non meglio specificata pagina, ndr), i quali si sono rivolti agli investigatori dell’FBI. Le indagini che sono seguite hanno permesso di mettere fine alla loro rete di spietati crimini commessi contro i bambini.

Maria Mento