Contrabbandiere costruisce un finto confine per truffare i migranti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:42

Aveva promesso loro l’ingresso nell’Unione Europea. Per rendere più credibile la truffa aveva costruito un finto confine con la Finlandia.

La guardia di frontiera russa ha arrestato un contrabbandiere dopo aver scoperto la sua truffa ai danni dei migranti. L’uomo aveva preso contatto con 4 immigrati e, dietro pagamento di 10mila dollari a testa, aveva promesso loro che li avrebbe scortati oltre il confine tra la Russia e l’Unione Europea. Per rendere credibile il raggiro, il contrabbandiere aveva anche creato un finto confine piazzando dei cartelli di frontiera in prossimità dei boschi.

Incontrati gli uomini in un luogo concordato, il truffatore li ha fatti salire in un furgone, quindi li ha guidati a piedi attraverso i boschi e con un’imbarcazione li aveva portati dall’altro lato di un lago. Al termine del viaggio i migranti hanno visto i cartelli che indicavano l’arrivo in Finlandia. A quel punto l’uomo li ha lasciati vagare alla ricerca di un luogo in cui passare la gelida notte.

Contrabbandiere arrestato: truffava i migranti promettendo il passaggio del confine

Convinti di trovarsi nei boschi finlandesi, ma in realtà in giro per la foresta ai margini di Vyborg (San Pietroburgo), gli uomini hanno letteralmente brancolato nel buio finché non sono stati intercettati dalla polizia di frontiera. Poco dopo è stato preso anche il contrabbandiere che non era riuscito ad allontanarsi a sufficienza per sfuggire alle forze dell’ordine. Tutti e cinque i protagonisti di questa folle vicenda sono stati portati in carcere. I migranti sono stati multati e presto verranno espulsi dal Paese. L’organizzatore della truffa, invece, potrebbe essere accusato del reato di frode.

Leggi anche -> Giorgia Meloni, fake news sui migranti: continua il botta e risposta tra Report e la leader di FdI