Sondaggi politici, Giorgia Meloni continua a crescere. Ma la vera sorpresa sono le “Sardine”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:14

Continuano a crescere i consensi per Fratelli d’Italia, mentre i sondaggi fanno registrare un calo della Lega. Ed emerge la volontà dei cittadini di vedere le “Sardine” in politica

Il sondaggio politico redatto da Demos &PI e presentata da Ilvio Diamanti per La Repubblica ci dice, ancora una volta, che Gorgia Meloni continua a mietere consensi tra i cittadini italiani. Sortisce, invece, una battuta d’arresto la Lega, nonostante  Matteo Salvini sia dato come secondo tra i leader che da soli ottengono maggior consenso. Annaspa anche Italia Viva di Matteo Renzi. La vera sorpresa è quella delle “Sardine”, che stanno riuscendo a togliere consenso agli altri partiti portando dalla loro parte soprattutto i giovani.

Giorgia Meloni e le “Sardine” crescono nei consensi, Matteo Salvini è il leader che in solitaria raccoglie di più

Lega al 29,5% dei consensi. È ancora il primo partito d’Italia, ma secondo queste cifre- contenute in un sondaggio realizzato da Demos&PIil partito di Matteo Salvini ha perso quasi 6 punti percentuali dal luglio del 2019 (35,3%). Continuano a crescere i consensi per Giorgia Meloni e per il suo Fratelli d’Italia, che è passato dal 6,2% di luglio all’attuale 11,3%. Si potrebbe quasi dire che la crescita di FDI sia direttamente proporzionale al crollo della Lega. In evidente difficoltà Matteo Renzi, che si ferma al 3,5% di consensi con la sua Italia Viva (la cifra tonda del 10% sembra veramente un’utopia, allo stato attuale della situazione), mentre più contenuta è la caduta di Forza Italia (dal 7% di luglio al 6,5% attuale). Il PD perde circa 4 punti percentuali e passa dal 22,5% al 18,7%. Leggera ripresa per il M5S, che dal 17,6% di luglio ha raggiunto il 18,1%, ampliando i suoi consensi dello 0,5%.

Nonostante i dati vedano in difficoltà la Lega, pare che Salvini sia un leader politico capace da solo di calamitare consensi: viaggia sul 48%, alle spalle di Giuseppe Conte (per il quale, però, pare che i consensi stiano calando). Si fermano al 35% dei consensi per Nicola Zingaretti. Fanno peggio di lui soltanto Renzi, dato al 25%, e Beppe Grillo, più staccato in “classifica”.

Giorgia Meloni e le “Sardine” crescono nei consensi, in molti voterebbero per le “Sardine”

Il dato che impressiona, come spiega La Repubblica, è quello che coinvolge i giovani e il movimento delle “Sardine”. Circa il 4% della popolazione ha partecipato a una manifestazione di piazza del movimento, ma se si guardano le fasce d’età le percentuali salgono per i giovani (fino a 24 anni) e per i giovani-adulti (fino a 34 anni). Addirittura, la percentuale del 4% raddoppia se si esamina la fascia dei giovani adulti. Circa il 40% delle persone intervistate si sono dette favorevoli a mobilitazioni simili e in molti hanno dichiarato che voterebbero per le “Sardine”, qualora queste decidessero di buttarsi seriamente in politica. Cifre che potrebbero indicare il primo seme della nascita di un nuovo movimento di protesta, dunque, come molti anni fa fu per il M5S.

Maria Mento