Nuova Zelanda, violenta esplosione del vulcano di White Island: ci sono 5 vittime. Si teme per i dispersi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:56
Ph Twitter/sch

Una violentissima eruzione ha colpito la Nuova Zelanda: il vulcano che si trova a White Island è esploso, uccidendo almeno cinque persone. Si teme per i dispersi e che ci siano altre vittime

Panico tra abitanti e turisti in Nuova Zelanda. Il vulcano che si trova sull’isolotto vulcanico di White Island è esploso violentemente (intorno alle ore 14:00, ora locale) e la sua eruzione ha coinvolto numerose persone, uccidendone almeno cinque. Molte sono ferite o disperse, e si teme che il bilancio della tragedia possa peggiorare: sarebbero in numero di 50 i turisti che, al momento dell’esplosione, si trovavano nel raggio d’azione del vulcano, che ha lo stesso nome dell’isola e che insiste sulla Baia di Plenty.

Violentissima esplosione vulcanica in Nuova Zelanda, 5 morti e molti turisti dispersi: al via le ricerche

50 persone, tra turisti e accompagnatori, si trovavano sull’isola zelandese di White Island al momento della violenta esplosione scaturita dall’omonimo vulcano. Di queste 50 persone, 23 sarebbero state messe in salvo e 5 sarebbero purtroppo decedute. Si teme, dunque, per la sorte delle 22 persone: alcune di loro, ma non se ne conosce ancora l’esatto numero, risultano ancora disperse.

Ancora, non si conosce l’esatta provenienza dei turisti coinvolti nella calamità naturale, ma secondo quanto rivelato dalla Polizia locale si tratterebbe di cittadini neozelandesi e stranieri. Molti di loro si trovavano a bordo ella nave “Ovations of the Seas” e stavano compiendo una crociera. Attualmente, sono in atto le ricerche.

Violentissima esplosione vulcanica in Nuova Zelanda, il vulcano Whakaari era esploso nel 2016

Il vulcano White Island, conosciuto anche con il nome maori “Whakaari”, era già stato protagonista di una violenta eruzione avvenuta nel 2016. Nonostante la pericolosità di questi fenomeni, l’isolotto su cui si trova il vulcano è sempre fortemente frequentato da turisti di ogni nazionalità.

Ora, la grande quantità di cenere eruttata dal cratere sta rendendo difficoltose le operazioni di soccorso, visto che la cenere impedisce ai soccorritori esterni di arrivare sull’isola. Poco prima dell’eruzione, circa una mezz’ora prima, delle persone erano state a visitare il cratere, accessibile a pochi gruppi di turisti alla volta. Tra queste persone c’era Michael Shade, un testimone che ha reso la sua testimonianza alla BBC: l’uomo ha dichiarato che la situazione era abbastanza sicura, e che quando lui e gli altri suoi compagni erano ormai a bordo di una barca pronta a lasciare l’isola è avvenuta l’esplosione. Shade ha ripreso quei momenti e ha postato il video su Twitter.

Seguiranno ulteriori aggiornamenti su questa vicenda.

Maria Mento