Ostrava, sparatoria in ospedale: si contano sei vittime. Il killer 42enne si toglie la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00

E’ drammatico il bilancio (provvisorio) della sparatoria avvenuta ad Ostrava, città ceca vicino al confine con la Polonia, terza per numero di abitanti dopo la capitale Praga e Brno.

Intorno alle sette di stamattina un uomo ha fatto irruzione presso il Faculty Hospital di Ostrava ed ha iniziato a sparare, causando la morte di sei persone (il bilancio potrebbe però peggiorare giacché alcune persone colpite sono rimaste gravemente ferite, anche se ancora non c’è certezza sul numero di persone coinvolte).

A confermare l’attacco – di cui sono ancora ignote le ragioni – sia il presidente della Regione Moravia-Slesia, Ivo Vondrák, sia il ministro degli Interni Jan Hamacek che, all’emittente Ceska Televize, ha dichiarato: “Sfortunatamente, l’attacco ha causato diverse vittime”.

Al momento il kille è in fuga, mentre la polizia ceca continua ad aggiornare la popolazione su quanto sta accadendo attraverso Twitter.

Sparatoria Ostrava, l’identikit del killer

Le forze dell’ordine ceche hanno frattanto diramato l’identikit del killer: si tratterebbe di un uomo alto circa un metro e ottanta che indosserebbe (o almeno questo indossava al momento dell’attacco, ripreso dalle telecamere interno della struttura ospedaliera) una giacca rossa.

AGGIORNAMENTO: Come comunicato dalla polizia attraverso i social, il killer è stato ritrovato, senza vita. L’uomo – un 42enne le cui generalità non sono ancora state fornite – si è tolto la vita sparandosi un colpo alla testa.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!