Si accusa di omicidio per salvare la figlia: a Bari un pentito rischia una condanna a 20 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:26

Incidente sul lavoro

Una donna avrebbe ucciso, con un colpo di pistola sparato al volto, un 49enne di cui sia lei sia la madre erano amanti. Pietro Losurdo, pentito e padre della presunta omicida (che avrebbe agito con la complicità della madre), si è accusato dell’omicidio per salvare la figlia dal carcere

Dietro la morte di Pierpaolo Perez (49 anni) ci sarebbe un piano ordito da due donne. Le due donne in questione sono la moglie del pentito Pietro Losurdo e la figlia della coppia. Pare che entrambe fossero amanti del pregiudicato ucciso il 18 giugno del 2018 nella sua abitazione di Bitello (Bari). A freddarlo, con un colpo di pistola sparato al volto, sarebbe stata la figlia dei due. La madre avrebbe offerto aiuto alla giovane donna divenendone la complice. Questo è il quadro della dinamica dei fatti che hanno ricostruito gli inquirenti, anche se Pietro Losurdo ha confessato di essere lui il colpevole di questo omicidio. Avrebbe agito così per proteggere la figlia.

Si accusa di omicidio per salvare la figlia, Pietro Losurdo accusato di concorso

Pietro Losurdo è accusato di concorso nell’omicidio di Pierpaolo Perez, il pregiudicato 49enne suo ex collaboratore ucciso il 18 giugno del 2018 e ritrovato cadavere nella sua abitazione di Bitetto (Bari). Losurdo, pentito ed ex affiliato del clan Parisi, è l’unica persona indagata per quesiti fatti e rischia di essere condannato a 20 anni di reclusione. Secondo quanto è emerso dalle indagini, però, pare proprio che il 56enne si sia accusato di un delitto che non ha commesso e che lo abbia fatto esclusivamente per proteggere la figlia, reale autrice del delitto.

Come riporta La Repubblica, Simona Filoni (Pubblico Ministero della DDA di Bari) ha modificato ieri- nel corso della requisitoria- il capo di accusa contestato all’uomo. Concorso, in quanto a eseguire materialmente il delitto sarebbe stata Mariangela (la figlia 23enne dell’uomo), la quale avrebbe usufruito della complicità della madre Giuseppina De Santis. Anche Pietro Losurdo avrebbe, comunque, avuto un suo ruolo nella vicenda.

Entrambe amanti della vittima, o almeno questo è quanto si può leggere in un’informativa depositata agli atti del processo, le due donne avrebbero maturato insieme l’idea di togliergli la vita.

Si accusa di omicidio per salvare la figlia, in corso le indagini sulla moglie e sulla figlia di Losurdo

Cosa sarebbe accaduto, dunque, in quel fatidico 18 giugno del 2018? Mentre i coniugi Losurdo si occupavano di sorvegliare la casa del pregiudicato, Mariangela sarebbe entrata nell’abitazione e avrebbe trovato il Perez addormentato, su una poltrona. Poi gli avrebbe sparato un colpo di pistola alla testa da distanza ravvicinata. Pietro Losurdo avrebbe  poi preso l’arma e si sarebbe consegnato alle Forze dell’Ordine, confessando di essere l’autore del delitto. La ricostruzione di questa dinamica è stata aiutata dalle registrazioni delle telecamere di sorveglianza installate all’esterno della casa di Perez.

Le indagini sulle due donne sono tuttora in corso, mentre il prossimo 4 febbraio si conoscerà la sentenza in merito al 56enne. Il processo si sta celebrando con rito abbreviato presso il Tribunale di Bari e vede la partecipazione dei genitori e dei fratelli della vittima che si sono costituiti parte civile.

Maria Mento