Suicidi di dipendenti, condannato ex ad France Telecom: “Mobbing morale e istituzionale”

didier lombard france telecomCondannato ad un anno di carcere per “mobbing morale e istituzionale”. 

E’ questa la pena inflitta all’ex amministratore delegato di France Telecom, Didier Lombard, che dovrà scontare 12 mesi di reclusione di cui otto con la condizionale. La sentenza è stata emessa al termine del processo legato all’ondata di suicidi di dipendenti che si è verificata una decina d’anni fa e che scatenò polemiche e indignazione nei confronti del gigante transalpino.

Oltre a Didier Lombard, il tribunale ha condannato anche altri due dirigenti di France Telecom. Come riportato dal quotidiano “La Repubblica”, si tratta del braccio destro dell’ex ad, Louis-Pierre Wenès, e del direttore delle risorse umane Olivier Barberot.

Creato clima “ansiogeno” che ha spinto molti al suicidio

Inoltre, anche la stessa France Telecom è stata condannata ad una multa di 75.000 euro “per aver messo in atto politiche di riduzione ‘a oltranza’ del personale nel periodo 2007-2008″.

Gli anni a cui fa riferimento il processo vanno dal 2007 al 2010, periodo in cui la politica di riorganizzazione di France Telecom avrebbe comportato l’uscita di 22mila persone e la mobilità di 10mila praticando una violenta pressione sui quadri, che si è “ripercossa sui lavoratori”. Le condizioni dei lavoratori sono state peggiorate per facilitare la loro uscita, creando “un clima ansiogeno” che ha spinto molti dipendenti al suicidio.