Assurdo atto vandalico contro un noto Presepe: decapitata la statua di Gesù Bambino

vandali hanno danneggiato il presepe di Arbus

L’intero paese è sconvolto e indignato per quanto fatto da vandali contro il presepe: la statuetta di Gesù Bambino è stata decapitata

Un atto vandalico che ha indignato centinaia di persone lasciando un’intera comunità sconvolta. E’ accaduto tra la notte di Natale e Santo Stefano nel comune sardo di Arbus, ma solo in queste ore la vicenda ha varcato i confini della regione assumendo valenza nazionale. Ignoti avrebbero provocato danni al presepe che si trova di fronte alla chiesa di San Sebastiano, decapitando la statua raffigurante Gesù Bambino e provocando danni anche ad alcuni degli altri personaggi della Natività. Le statuine sono inoltre state spostate: si trovavano infatti sotto l’albero di Natale ma i vandali le hanno collocate in diversi punti della piazza. E’ stato don Tarcisio Ortu, parroco del paese, a denunciare l’accaduto: sul posto sono intervenuti i militari del nucleo radiomobile della compagnia di Villacidro che hanno avviato le indagini.

Il sindaco interviene su Facebook: “Gesto inqualificabile”

Seppur non ‘grave’ il gesto ha scosso l’intera comunità ed ha portato anche il sindaco Antonello Ecca ad intervenire con un post su Facebook: “Il 9 dicembre in chiesa Don Ortu mi disse di questa idea di posizionare il Presepe sotto l’albero di Natale. Io ne fui molto contento e lui mi disse – non penso che nessuno lo toccherà – Risposi – nessuno si permetterebbe e tutti lo apprezzeranno – Mi ero sbagliato sul primo punto. È grave che oggi esistano ancora persone in grado di commettere un gesto inqualificabile come quello di aver danneggiato il Presepe. Tutta la comunità ha apprezzato i segnali del Natale presenti su tutta Arbus. Rovinare il Presepe non significa solo danneggiare un bene di tutti, ma colpire al cuore la nostra Cristianità”.