Bruno Vespa e le previsioni sul 2020: Oltre il rinnovo delle cariche a Maggio c’è il buio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:33

Bruno Vespa parla del 2020

In un articolo Bruno Vespa disegna un quadro terribile per l’Italia. Parla di un 2020 buio dovuto soprattutto all’instabilità del governo e alla “incompatibilità” dei partiti che lo compongono.

Per Bruno Vespa il bilancio per il nostro paese è tutt’altro che positivo. L’anno che sta per finire “sotto il profilo della crescita economica, è stato il peggiore dell’Italia unita”. Prosegue spiegando: “i nostri titoli di Stato valgono meno di quelli spagnoli e portoghesi: qualche anno fa sarebbe stata una bestemmia. Il rapporto tra debito e Pil è aumentato del venti per cento: solo la Grecia sta peggio”.

L’editoriale pubblicato su il Giorno è consultabile anche qui.

Per Vespa è impossibile definire la durata del governo

Per il direttore di Porta a Porta  “le prospettive non ci fanno sperare che il 2020 sarà un ‘anno bellissimo’. Avremmo bisogno di uno shock fiscale, per i cittadini e per le aziende. Ma questo non può avvenire se alla fine dell’anno – come lo erano all’inizio dell’ anno che si chiude – sono al governo partiti incompatibili per storia, ideologia e programmi”.

Unica possibilità di crescita è che il governo riesca “a sbloccare le decine di miliardi stanziati per opere pubbliche grandi e piccole”. Anche perchè per Bruno Vespa, quota 100 e reddito di cittadinanza assorbirebbero gran parte delle risorse anche per il 2020.

“Quanto durerà il governo? Non lo sappiamo. Sappiamo però che tra la fine di gennaio e la primavera si voterà in molte regioni, quasi tutte a guida centrosinistra, e che entro maggio andranno rinnovate 400 cariche nelle società partecipate. Difficile che i partiti di governo ci rinuncino”  scrive il giornalista nella propria analisi. “Fin lì c’è il confine tracciato da una siepe visibile. Oltre c’è il buio. Buon anno e che Dio ci assista” conclude, senza ottimismo.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!