Scoperto il cratere meteorico più grande sulla terra: il corpo celeste ha colpito il pianeta 790.000 anni fa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:41

Un gruppo di scienziati ha scoperto quello che si ritiene il cratere meteorico più grande mai formatosi sulla terra. L’impatto è avvenuto 8 secoli fa.

Sappiamo per certo che l’impatto di un gigantesco meteorite ha portato all’estinzione dei dinosauri, modificando le condizioni di vita del nostro pianeta. Si pensa inoltre che la formazione della Luna sia dovuta ad uno scontro tra la Terra ed un planetesimo (oggetto roccioso primordiale al quale è associata la formazione dei pianeti), quando il nostro pianeta era ancora incandescente. La possibilità dunque che degli asteroidi, delle comete o altri corpi celesti possano essersi schiantati sulla superficie della terra è tutt’altro che fantascienza.

Leggi anche ->Grande scoperta archeologica: riportato a galla un tempio Maya scomparso per 1400 anni

Di recente un gruppo di studiosi ritiene di aver trovato quello che, se confermata la loro ipotesi, sarebbe il cratere meteorico più grande mai scoperto. Ciò significa che il meteorite che ha colpito la terra in quella occasione è stata la più grande tra quelle di cui oggi si ha traccia. Si tratterebbe di un cratere di ben 15 chilometri. Com’è possibile dunque che fino ad oggi nessuno lo avesse scoperto? La risposta è semplice: la zona dell’impatto è stata coperta dagli strati di lava emessi da un giovane vulcano in zona.

Leggi anche ->Un boato, la terra trema ed la notte s’illumina, le impressionanti immagini di un meteorite – VIDEO

Cratere di 15 chilometri, i test confermano che si tratta del luogo d’impatto di un meteorite

Nell’articolo scientifico pubblicato sulla rivista specializzata ‘Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America’, gli studiosi spiegano che la loro ricerca è stata favorita dal ritrovamento di tectite, ovvero dei globuli di vetro in silicio che si ritiene si formino dopo l’impatto di un meteorite. Gli studiosi ritengono che il cratere si trovi sotto uno strato di 910 chilometri di materiale vulcanico, nella parte sud est del Laos. Chiaramente per confermare la loro ipotesi, gli studiosi hanno primariamente controllato se nella zona si registravano delle anomalie magnetiche (dovute appunto all’impatto di un corpo celeste) e questa prova ha dato esito positivo.

Inoltre, attraverso l’analisi degli strati rocciosi nei pressi della zona dell’impatto e su tutto il raggio del cratere ha permesso di ipotizzate che il meteorite ha colpito la terra all’incirca 790.000 anni fa. Gli studiosi hanno trovato rocce di basalto da poco esposte alle intemperie (il che confermerebbe la recente copertura di materiale lavico) e strati grezzi di arenaria e argillite in un raggio di 10-20 chilometri dalla zona ipotizzata d’impatto.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!