Addio a Giuseppe Comand, l’ultimo testimone dell’eccidio delle Foibe. Aveva 99 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:07

Recuperò, insieme ai Pompieri, i corpi degli italiani uccisi nelle Foibe, rimanendo in vita più a lungo di tutti. Ora se ne è andato anche lui: Giuseppe Comand, l’ultimo testimone della pulizia etnica di Tito, aveva 99 anni

Il 2 gennaio 2020 si è spento nella sua casa di Latisana (Friuli-Venezia Giulia) Giuseppe Comand, l’ultimo testimone ancora in vita che avrebbe potuto l’orrore delle Foibe, un massacro in cui perirono circa 11mila persone. Comand aveva raggiunto la veneranda età di 99 anni e, il prossimo 13 giugno, di anni ne avrebbe compiuti 100. A soli 23 anni, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, fu tra coloro che disseppellirono i corpi delle vittime delle Foibe per dare loro una dignitosa sepoltura. Il suo compito era quello di pulire le tuta dei Pompieri di Pola che scendevano nelle Foibe a recuperare i corpi straziati. Comand ha raccontato di quell’esperienza che ha segnato tutta la sua vita e, proprio lui che era stato testimone oculare, aveva dichiarato di stare male quando qualcuno cercava di negare che quello sterminio fosse mai avvenuto. La notizia è stata riportata da diverse testate, quali Telefriuli e Il Gazzettino (sezione Nordest).

È morto l’ultimo testimone delle Foibe, Giuseppe Comand aveva lavorato con i Vigili di Pola al recupero dei corpi delle vittime

L’Italia dice addio a Giuseppe Comand, l’ultimo testimone oculare del massacro delle Foibe a essere ancora in vita.  L’uomo (99 anni), dapprima aggregato all’11ø Reggimento Genio di Udine, era stato aggregato al Corpo dei Vigili del Fuoco di Pola. Furono loro, sotto il comando del maresciallo Arnaldo Harzarich, a occuparsi del recupero delle vittime uccise nell’arco di due anni (1943-1945) dagli uomini del generale Tito tra Venezia Giulia, Quarnaro e Dalmazia.

Un dolore lungo una vita intera, quello che Giuseppe Comand ha portato con sé nella tomba. Era riuscito ad andare in Istria, con la sua famiglia, a 89 anni. Solo dieci anni fa, dunque: non prima. Ma l’uomo non è mai riuscito a tornare sulle Foibe- quelle di Vines e Villa Surani- e lui stesso ammetteva di provare “Troppo spavento”. Ed ecco come la vita apparentemente felice di un uomo sopravvissuto, che nonostante tutto aveva ritrovato l’amore per la vita in un matrimonio e nella nascita di due figli, è diventata una  testimonianza storica da preservare contro i negazionisti. Quei negazionisti che- come lo stesso Comand aveva dichiarato in una recente intervista- gli facevano del male ogni volta che osavano negare la veridicità di quella pulizia etnica.

È morto l’ultimo testimone delle Foibe, il ricordo delle autorità politiche

Per la famiglia di Giuseppe Comand è arrivato il messaggio di cordoglio di Massimiliano Fedriga, il governatore del Friuli-Venezia Giulia.

La scomparsa alla soglia dei cent’anni di Giuseppe Comand, ultimo testimone oculare del recupero degli infoibati in Istria, desta commozione e ci ammonisce a preservare nella comunità regionale e internazionale quella memoria che abbandona la vita delle persone. Rivolgo le più sentite condoglianze ai familiari di un uomo stimato che ha saputo affrontare con senso del dovere e lucidità uno dei più esecrabili orrori del comunismo titino. È nostro compito ora mantenere la lanterna accesa sui fatti certificati dai testimoni della storia perché pagine come quelle vissute da Comand possano essere conosciute dalle giovani generazioni per non essere mai più scritte”.

Comand è stato ricordato anche da Debora Serracchiani, deputata del Pd:

Con la scomparsa di Giuseppe Comand perdiamo la memoria e la testimonianza diretta di quel che fu l’orrore delle foibe, e di quale pietosa opera si fecero carico coloro che riportarono alla luce i corpi straziati. Prendiamo esempio dalla lucida compostezza con cui Comand ha rievocato quasi fino all’ultimo le sue esperienze, e affidiamo alle Istituzioni il dovere del Ricordo affinché questo brano della storia d’Italia sia conosciuto e compianto”.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!