Hackerato sito governativo USA: un “assaggio” per Trump degli hacker iraniani

Un sito governativo statunitense sarebbe stato preso di mira da alcuni hacker iraniani inneggianti all’Iran. 

A riportare la notizia è il quotidiano britannico online Metro. Sulla home page del Federal Depository Library Program – si legge nell’articolo – è apparsa una immagine del presidente USA Donald Trump, grondante sangue, preso a pugni dalla Repubblica Islamica dell’Iran e corredata di testo: “Questo è solo un assaggio delle abilità cibernetiche dell’Iran”. 

La risposta iraniana all’uccisione della seconda figura più importante dello scenario iraniano

E ancora:Il martirio è stata la sua ricompensa (del generale Soleimani, ndr) per gli anni di sforzi implacabili […]. Con la sua scomparsa e con il potere di Dio il suo lavoro e la sua strada saranno proseguiti, e gravi vendette attendono coloro le cui sozze mani hanno corrotto il suo sangue e quello di altri martiri.

Leggi anche –> Medio Oriente, un raid Usa ha ucciso il leader iraniano Qassem Soleimani: scenario da terza guerra mondiale

Il fotomontaggio realizzato dall’Iran Cyber Security Group HackerS – non più visibile in quanto il sito è stato messo offline -, è apparso dopo che il Tycoon aveva minacciato di colpire 52 bersagli iraniani se Teheran avesse tentato ritorsioni, bersagli di alto livello e importantissimi per la cultura dell’Iran […]. Gli Stati Uniti non ammettono minacce!”, aveva detto Trump.

Leggi anche –> Crisi Usa-Iran, Donald Trump minaccia: “Colpiremo duramente e velocemente 52 obiettivi”

Intanto oggi ai funerali di Qassem Soleimani, ucciso l’altro ieri nel raid americano a Baghdad, in migliaia hanno accompagnato il feretro del generale, e sono state bruciate bandiere americane e britanniche all’urlo di “morte all’America!”.