Tentano di uccidere un loro coetaneo, tre minorenni arrestati: brutale aggressione per futili motivi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:59

Tentarono di uccidere, a coltellate, un ragazzo di 14 anni nel parcheggio di un centro commerciale. Per questo motivo ora tre ragazzi, di 15 e 16 anni, sono stati arrestati

Il GIP del Tribunale dei minorenni di Napoli ha emesso una misura di custodia cautelare nei confronti di tre minorenni che hanno cercato di uccidere un quarto ragazzo, loro coetaneo. I fatti risalgono allo scorso 8 dicembre. I tre giovani, di cui due hanno 15 anni e uno 16, hanno accoltellato un ragazzino di 14 anni nel parcheggio del centro commerciale “Vulcano Buono”, che si trova a Nola (Campania). Per i tre ragazzi l’accusa è di tentato omicidio in concorso.

Tre minori arrestati per tentato omicidio, aggressione per futili motivi al centro commerciale

I Carabinieri della Stazione di Nola hanno eseguito tre misure di custodia cautelare per altrettanti ragazzi minorenni che quasi un mese fa hanno tentato di uccidere un loro coetaneo. Le misure sono state emanate dal Gip dopo un’indagine condotta congiuntamente dalla Procura della Repubblica per i minori di Napoli e dai Carabinieri di Nola. Al momento dell’aggressione, culminata nell’accoltellamento di un 14enne, pare che gli aggressori fossero rimasti non identificati.

Le indagini hanno potuto appurare che i tre minori hanno aggredito quarto ragazzo per futili motivi, come spiega Il Mattino.

Tre minori arrestati per tentato omicidio, la ricostruzione della dinamica dei fatti

Secondo la dinamica dei fatti, ricostruita con cura dagli inquirenti tramite numerosi interrogatori, il 14enne si trovava in compagnia di un’amica sulla pista di pattinaggio allestita nel centro commerciale “Vulcano Buono” Nola) quando un gruppo di ragazzini più grandi ha iniziato a infastidirlo e provocarlo. Da lì la decisione, presa dal giovane, di allontanarsi e di uscire dal centro commerciale.

Questo non è però bastato a evitargli la furia, immotivata, del gruppo. I ragazzi lo hanno seguito all’esterno e lo hanno picchiato: prima calci e pugni, poi lo hanno colpito alla testa con un manganello e all’addome con un coltello. Il giovane non è deceduto ma è stato sottoposto a un intervento chirurgico, condotto presso l’Ospedale “Cardarelli” di Napoli, resosi necessario a causa delle gravi ferite riportate.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!