Regione Lazio, nasce la “Banca delle parrucche” per i malati di cancro

Grazie ai fondi stanziati con la Legge di Stabilità, la Regione Lazio ha approvato la nascita di una “Banca delle parrucche” per i malati di cancro.

La Regione Lazio ha deciso di spendere parte dei fondi derivanti dalla Legge di Stabilità per istituire in tutte le aziende ospedaliere delle “Banche delle Parrucche” per i malati oncologici. Si tratta di un piccolo passo per aiutare psicologicamente i pazienti ad affrontare una delle parti più dure della malattia. Spesso, infatti, i pazienti, già gravati dalla necessità di ricorrere alle probanti cure per il cancro, si trovano a dover affrontare anche il contraccolpo psicologico dato dalla perdita dei capelli. Con l’istituzione di questo servizio, ognuno di loro avrà a disposizione delle parrucche gratuitamente.

Leggi anche ->Tumore ai polmoni, grandi passi avanti: “Entro 5 anni puntiamo a dimezzare la mortalità”

Banche delle Parrucche con i fondi statali: “E’ un piccolo segnale”

Nei prossimi due anni verranno stanziati 450.000 euro per l’acquisto di parrucche destinate ai malati di cancro. I fondi verranno distribuite tra le asl, gli ospedali ed enti terzi che si occupano dell’assistenza dei malati oncologici. Iniziativa, quella del governo che nasce da un’esigenza espressa a lungo dalle associazioni che si occupano dell’assistenza ai malati di cancro. Adesso bisognerà attendere 60 giorni dall’entrata in vigore della norma affinché la giunta regionale pubblichi le modalità e i requisiti per accedere al servizio.

Non a caso l’assessore alla Salute della Regione Lazio, Alessio D’amato, e l’assessore alle Politiche Sociali, Alessandra Troncarelli, hanno commentato con soddisfazione la decisione di istituire le Banche delle Parrucche. In una nota condivisa pubblicata dai due assessori si legge: “E’ un piccolo segnale, fortemente richiesto dalle associazioni dei malati, di vicinanza e supporto in un momento così difficile come il periodo della malattia. Oltre a tutte le cure vogliamo alleviare il disagio psicologico che è conseguenza della malattia che non solo colpisce il corpo, ma spesso ha conseguenze anche sulla psiche del paziente”.