Chi è Francesco Gabbani, Big del Festival di Sanremo 2020: età, biografia e grandi successi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:50

Cenni biografici su Francesco Gabbani, Big del “Festival di Sanremo 2020”.

Francesco Gabbani è ufficialmente uno dei Big del “Festival di Sanremo 2020”, in onda su Raiuno, a partire dal prossimo 4 febbraio, condotto da Amadeus. Ecco, per voi, alcuni cenni biografici sul cantante, già vincitore della kermesse canora con “Occidentali’s Karma”.

Francesco Gabbani è nato a Carrara, il 9 settembre 1982. Nato da una famiglia proprietaria di un negozio di strumenti musicali, ha modo di avvicinarsi alla musica già in tenera età. A 4 anni, infatti, inizia con la batteria e a 9 anni con la chitarra. Suona anche il pianoforte e il basso e ha lavorato come fonico e tecnico di palco. Inizia il suo percorso artistico come musicista suonando blues, funk e jazz.

Prima di completare gli studi presso il Liceo Classico “E. Repetti” di Carrara, a diciotto anni firma il suo primo contratto discografico e registra con il progetto Trikobalto un album prodotto da Alex Neri e Marco Baroni dei Planet Funk. I videoclip dei due singoli estratti entrano in rotazione sulle principali emittenti televisive musicali e permettono ai Trikobalto di esibirsi nei principali festival italiani, tra i quali l’Heineken Jammin’ Festival, di partecipare alle serate targate Rock TV e di aprire al BlueNote di Milano l’unica data italiana degli Oasis.

Nel 2010, sulla scia del successo del primo disco, arriva per i Trikobalto l’uscita del secondo album, “Necessità primarie”, prodotto da Marco Patrignani. Segue un tour in Francia e la realizzazione del video di “Preghiera maledetta”. I Trikobalto sono scelti come supporter dell’unica data italiana degli Stereophonics e sono tra gli ospiti al “Palafiori” di Sanremo, durante l’edizione 2010 del Festival. In primavera, Gabbani lascia la band e firma un nuovo contratto discografico, per la realizzazione del suo primo progetto solista.

Nel corso del 2011, pubblica quattro singoli: “Italia 21”, “Un anno in più”, “Estate” e “Maledetto amore”, quest’ultimo tratto dalla colonna sonora del film “L’amore fa male” di Mirca Viola. Nel 2014, esce il suo primo album in studio da solista, “Greitist Iz”, dal quale è stato estratto il singolo “I dischi non si suonano”. Nel 2015, inizia a collaborare con BMG Rights Management, in qualità di autore e firma un contratto di esclusiva.

Biografia e grandi successi di Francesco Gabbani

Nell’autunno 2015, si presenta a “Sanremo Giovani” con il brano “Amen”, composto dal cantautore stesso su testo del paroliere Fabio Ilacqua, superando il concorso canoro che gli consente l’ammissione di diritto al “66º Festival di Sanremo”, nella categoria “Nuove Proposte”. Inizialmente eliminato dalla competizione, dopo aver perso una sfida contro la cantante Miele, è riammesso in gara poiché una verifica rileva che la votazione è stata falsata da un problema tecnico nella sala stampa. La ripetizione delle operazioni di voto capovolge il risultato precedente, permettendogli, così, di superare l’eliminatoria. Ammesso alla finale del 12 febbraio, si classifica al 1º posto, trionfando nella categoria “Nuove Proposte”. In questa occasione, gli vengono anche tributati i riconoscimenti del Premio della Critica “Mia Martini”, il Premio “Sergio Bardotti” per il miglior testo e il Premio “Emanuele Luzzati”.

Il singolo anticipa l’album “Eternamente ora”, pubblicato il 12 febbraio 2016. L’album, contenente otto brani inediti, raggiunge la diciottesima posizione nella classifica. Il 6 maggio dello stesso anno viene estratto dall’album il secondo singolo omonimo “Eternamente ora”, a cui segue il singolo “In equilibrio”, lanciato sul mercato il 9 settembre. In seguito, firma la colonna sonora del film “Poveri ma ricchi” di Fausto Brizzi e viene pubblicato il singolo “Foglie al gelo”.

Nel febbraio 2017, partecipa, nella categoria “Big”, al “Festival di Sanremo” con il brano “Occidentali’s Karma”. Tale brano è stato eseguito con l’ausilio del ballerino Filippo Ranaldi che, indossando un costume da scimmia, ha partecipato alla coreografia. Vince la kermesse canora. “Occdentali’s Karma” diventa immediatamente un grande successo commerciale, sia in Italia che in Europa.

In qualità d’interprete della canzone vincitrice del Festival, è stato automaticamente designato come rappresentante dell’Italia all’“Eurovision Song Contest 2017” a Kiev. Nella manifestazione europea, si classifica al sesto posto, vincendo il Premio della Sala Stampa (Press Award).

Il 28 aprile dello stesso anno, esce l’album “Magellano”. Da esso sono stati estratti ulteriori tre singoli: “Tra le granite e le granate” (5 maggio),[12] “Pachidermi e pappagalli” (15 settembre)[13] e “La mia versione dei ricordi” (24 novembre).

In seguito ad un lungo tour, che lo porta in giro per l’Italia, il 10 maggio 2019 pubblica il singolo “E’ un’altra cosa” che anticipa il suo nuovo album. Il 9 novembre 2019 è stato presentato, attraverso WhatsApp, il brano “Duemiladiciannove”, seguito due giorni più tardi dal relativo videoclip diretto da Olmo Parenti.

Partecipa al “Festival di Sanremo 2020” con il brano “Viceversa”.

Maria Rita Gagliardi

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!