Messico, sparatoria a scuola, ucciso un insegnante. Sei bimbi feriti, l’assassino è un 12enne (che si è suicidato)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:11

messico scuola sparatoriaE’ una vera e propria tragedia quella che si è consumata ieri in una scuola del Messico.

Un allievo dell’istituto si è introdotto all’interno dell’istituto e ha cominciato a sparare all’impazzata. L’obiettivo del killer era un suo insegnante: il bilancio complessivo è di due morti (il docente e l’aggressore) e sei feriti.

I notiziari locali riferiscono che il sospettato, che ha soltanto 12 anni, si è suicidato dopo aver ucciso l’insegnante e aver provocato il ferimento di alcuni studenti. La barbarie si è verificata alle 8:00 ora locale nella scuola di Cervantes, Torreon, una città nel centro del Messico: lo riporta il Daily Star Online.

Tra i feriti vi sono due alunni di 13 anni e altri di otto e sette anni. Il piccolo di sette anni è in condizioni critiche mentre gli altri feriti vengono definiti in condizioni “stabili”.

Il “killer” 12enne andava molto bene a scuola

Secondo quanto riferito, l’allievo ha nascosto le pistole nella sua borsa prima di sparare al suo insegnante e poi ai compagni di classe. Gli alunni sono stati fatti evacuare immediatamente dalla scuola.

Il capo della pubblica sicurezza, Francisco Garcia, ha confermato che l’assassino è un ragazzo di 12 anni che finora non aveva mai dato problemi. Stando ai media messicani, il giovane andava anche molto bene a scuola. Il 12enne viveva con sua nonna dopo la separazione dei suoi genitori.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!