E’ morto Giovanni Custodero, il giovane ex portiere che aveva scelto la sedazione contro il sarcoma

Il 27enne Giovanni Custodero ha annunciato ai suoi follower che ha deciso di farsi sedare per alleviare i dolori causati dal tumore che lo sta consumando.

Due anni fa Giovanni Custodero, ex portiere del Fasano nella serie C2 del campionato di calcio a 5, è dovuto venire a patti con la sua terribile malattia. In quella occasione, infatti, gli è stato diagnosticato un tumore ostico: il sarcoma osseo. A causa della malattia gli è stata amputata una gamba, nella speranza che le cellule malate non si diffondessero alle altre ossa. Per contrastare l’incedere della malattia è stato sottoposto a cicli di chemioterapia e radioterapia. Purtroppo, però, i tumore è giunto al femore e successivamente si è diffuso sempre di più.

Leggi anche ->Pubblica una foto dove si mostra con la gamba amputata. I commenti dei “troll” sono da brividi

Due anni dopo l’inizio della sua lotta al tumore, documentata con coraggio e positività sulla sua pagina Facebook, Giovanni Custodero ha deciso di dire basta alla sofferenza. Prima di farlo, però, ha voluto avvisare i suoi follower che non avrebbe più potuto continuare ad informarli, poiché era giunto alla fase finale della sua lotta e il male sta avendo la meglio.

Leggi anche ->Muore per un tumore al cervello diagnosticatogli dopo giorni di mal di testa: lo straziante saluto del gemello

L’ultimo messaggio di Giovanni Custodero: “Eccoci arrivati alla battaglia finale”

Dopo qualche settimana di silenzio, Giovanni decide di romperlo con un annuncio importante. Nel suo messaggio esordisce con una precisazione: “Ciao a tutti!
Come sempre ci tengo ad essere io a raccontarvi lo sviluppo del mio stato di salute. Negli ultimi post vi avevo accennato che la situazione non è delle migliori”, quindi aggiunge: “Ebbene si, eccoci arrivati alla battaglia finale, siamo io e lui, uno dinanzi all’altro.. ed io lo guardo in faccia.. capisco che è forte dell’energia con la quale l’ho nutrito in questi anni, mentre io sono ormai stanco”.

Dopo aver spiegato che il suo silenzio è stato dovuto alla decisione di passare le vacanze con i suoi cari, il 27enne passa al vero e proprio annuncio: “Ora che le feste sono finite, ed insieme a loro anche l’ultimo granello di forza che mi restava, ho deciso che non posso continuare a far prevalere il dolore fisico e la sofferenza su ciò che il destino ha in serbo per me. Da domani sarò sedato e potrò alleviare il mio malessere”. Quello di Giovanni è un messaggio d’addio, ma anche un ringraziamento visto che ci tiene a far sapere a tutti che sono stati “La MIA FORZA”.

Meglio precisare che per essere sedato Giovanni non intende l’eutanasia che in Italia (vi ricordiamo) è illegale. La precisazione potrebbe sembrare superflua, ma non lo è visto che la famiglia del ragazzo è stata costretta a precisarlo: “Vorrei fare una precisazione rivolgendomi a tutti coloro che stanno scrivendo qualcosa per Giovanni in queste ore. Giovanni è VIVO, sta semplicemente DORMENDO per alleviare tutti i dolori che accusa”. La precisazione si conclude con una richiesta di rispetto per il dolore che la famiglia prova in questo momento.

Nella notte tra sabato e domenica, è morto Giovanni Custodero

AGGIORNAMENTO 12 GENNAIO: Nella notte tra sabato 11 e domenica 12 gennaio, Giovanni Custodero si è spento. Dopo aver abbondantemente lottato contro la propria malattia si è dovuto arrendere al sarcoma osseo, diagnosticatogli due anni fa (e che lo ha costretto all’amputazione di una gamba, oltre ad altri cinque interventi e tante sedute di chemio e radioterapia). Di lui rimarrà il ricordo di una persona esemplare, capace di lottare fino all’ultimo e capace di dare speranza anche ad altre persone nella sua stessa condizione. (R.D.V.)