Rischio Terza guerra mondiale, l’Iran minaccia le truppe europee: “Non sono sicure in Medioriente”

Da domani le truppe europee che si trovano in Medioriente non saranno più al sicuro. Lo sostiene il Presidente dell’Iran, il quale ha chiesto anche pubbliche scuse dagli States per l’uccisione di Soleimani

Hassan Rouhani, Presidente dell’Iran, ha lanciato una minaccia velata contro le truppe europee di stanza in Medioriente. È successo dopo che Gran Bretagna, Francia e Germania hanno sollevato dei dubbi sull’accordo relativo al nucleare stilato nel 2015. Le tre potenze temono le dichiarazioni fatte da Rouhani una decina di giorni fa, e cioè che l’Iran andrà avanti con l’arricchimento dell’uranio.

Il Presidente dell’Iran minaccia l’Europa, le parole di Hassan Rouhani

“Oggi il soldato americano è in pericolo, domani il soldato europeo potrebbe essere in pericolo“. Con queste parole, Hassan Rouhani (Presidente dell’Iran) ha avvertito l’Europa. Una minaccia- camuffata ma non troppo- lanciata dal leader dopo la presa di posizione che in queste ultime ore ha visto Gran Bretagna, Francia e Germania questionare con il Paese mediorientale in merito all’accordo sul nucleare firmato 4 anni fa.

A questo si aggiunge l’azione militare che ha avuto come conseguenza l’abbattimento del volo ucraino di Ukraine International Airlines PS752: le 176 persone che erano a bordo sono morte tutte e pare sia stato l’esercito iraniano ad abbatterlo, utilizzando due missili lanciati a meno di 30 secondi di distanza l’uno dall’altro. Il drammatico incidente, come riporta il Daily Star, avrebbe già portato all’arresto di diverse persone. Non si conosce il numero esatto degli arrestati, nè i capi di accusa che vengono loro contestati.

La notizia è stata diffusa da Gholamhossein Esmaili, il portavoce della magistratura di Teheran.

Il Presidente dell’Iran minaccia l’Europa, i chiarimenti sul volo ucraino abbattuto: presto l’istituzione di una commissione speciale

Il Presidente iraniano ha tenuto un discorso, che è stato trasmesso in televisione, e ha parlato della tragedia dell’aereo ucraino. Rohuani ha promesso di istituire una commissione speciale, allo scopo di indagare sulla vicenda dell’abbattimento.

È importante, per tutti i nostri cittadini, che chiunque sia responsabile di questo incidente venga punito. Chiunque debba essere punito, sarà punito”, ha detto. Poi, ancora: “La gravità della situazione richiede che la magistratura istituisce una commissione speciale con giudici di alto rango e dozzine di esperti”.

Maria Mento