Orda di 400 scimmie razzia villaggio in India, gli abitanti costretti alla fuga

Un gruppo di 400 scimmie si è stanziato nei pressi del villaggio di Narasapuram. Gli abitanti, stanchi dei continui attacchi degli animali sono andati via.

Le disavventure degli abitanti di Narasapuram, piccolo villaggio indiano, sono cominciate quando un gruppo di bracconieri ha abbandonato alcune scimmie nelle vicinanze. I macachi inizialmente non davano alcun fastidio, se non fosse che ogni tanto erano solite rubare qualche frutto dal raccolto. Con il passare degli anni, però, le scimmie si sono moltiplicate sino a diventare oltre 400 e gli attacchi, prima saltuari e limitati alle piantagioni, una costante.

I primati sono intelligenti e attendono che una donna, un bambino o un anziano si trovi da solo con del cibo per attaccarlo e rubare le provvigioni. Gli attacchi però non si limitano alla strada: ci sono stati episodi in cui le scimmie sono entrate in casa degli abitanti per rubare il cibo cucinato. La situazione è diventata insostenibile e 20 famiglie hanno deciso di trasferirsi nella vicina città di Hyderabad.

Leggi anche ->Scimmietta empatica va a consolare una donna in lutto durante un funerale: le immagini fanno il giro del web

Scimmie razziano il villaggio, l’appello del capo villaggio: “Siamo costretti a chiudere porte e finestre”

Eletto proprio per risolvere il problema delle scimmie, il leader del villaggio di Narasapuram Srivarama Khrisna ha chiesto l’aiuto del dipartimento forestale di Telegrana. Gli uomini della forestale sono riusciti a catturare solo un numero esiguo di scimmie e la situazione per gli abitanti del villaggio è di crescente disagio. Nello spiegare la situazione ai media locali, Khrisna ha dichiarato: “La nostra terra è fertile e noi coltiviamo frutta e vegetali. Le scimmie con il tempo hanno acquisito una passione per la frutta coltivata dai nostri contadini. Adesso sono in grado di distruggere interi raccolti”.

Il problema più grande è che gli abitanti del villaggio non si sentono più sicuri nemmeno in casa: “Siamo costretti a tenere le porte e le finestre sbarrate. Le scimmie sono abbastanza intelligenti da aprire le porte, entrare dentro e rubare il cibo”. Circa 20 famiglie hanno già abbandonato il villaggio e le altre le seguiranno se non verrà risolta la situazione.