Attaccata in strada perchè omosessuale: 20enne mostra le terribili ferite sui social

aggredita in strada perchè gay

Una ventenne ha denunciato di aver subito ben cinque attacchi omofobi: a causa dell’ultima aggressione ha riportato ferite al volto e alle ginocchia

Brutalmente picchiata solo perchè omosessuale, e non si è trattato della prima volta. La denuncia è arrivata proprio dalla vittima, Charlie Graham, una giovane che ha mostrato sui social le conseguenze del terribile pestaggio, un attacco in piena regola messo a segno da sconosciuti nei suoi confronti. La 20enne britannica ha raccontato di essere stata picchiata soltanto perchè lesbica, svelando inoltre di aver subito in precedenza altre quattro aggressioni omofobe. L’ultima, la quinta, è avvenuta l’11 gennaio a Sunderland, quando due ragazzi hanno iniziato a colpire Charlie alle spalle sferrando pugni e calci a volto e gambe. In seguito la Graham ha pubblicato le foto e ha rilasciato un’intervista al Daily Star raccontando i dettagli dell’aggressione: dopo i primi colpi sarebbe caduta, cercando poi di rialzarsi ma senza possibilità alcuna. Dopo il pestaggio i due ragazzi sono fuggiti: “Mi hanno lasciata sanguinante e spaventata”, ha raccontato.

Aggressione omofoba, la polizia indaga per crimine d’odio

La vita per Charlie è drammaticamente cambiata dopo le prime aggressioni: “Ho attacchi di panico e ansia al solo pensiero che tornando a casa possano scoprire dove vivo e decidono di entrare. È molto importante per me che le foto siano condivise. Le persone devono sapere che c’è gente là fuori pronta ad attaccarti per qualunque motivo, che si tratti della tua sessualità, del colore della tua pelle, per come cammini o ti vesti”. Sulla vicenda è stata avviata un’indagine ed il caso è trattato come crimine d’odio; la madre ha chiesto ad eventuali testimoni di contattarla.