La sfida ecologica di Microsoft: riuscirà ad eliminare entro il 2030 tutte le emissioni di CO2 che ha prodotto fino ad oggi?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:29

L’ambiziosa svolta ecologica di Microsoft. Riuscirà ad arrivare in pari con le emissioni prodotte fino ad oggi? 

Emissioni di anidride carbonica a zero entro il 2030: questo l’ambizioso obiettivo del colosso di Redmond. L’annuncio lanciato da Microsoft non lascia dubbi: l’azienda americana vuole provare a rimuovere dall’atmosfera l’equivalente di emissioni che ha emesso dal 1975, anno della sua nascita. Una sorta di risveglio di coscienza quello del colosso americano, che oltre a porsi come traguardo l’azzeramento di emissioni prodotte vuole “rimediare” al danno ambientale causato dalla sua produzione fino ad oggi.

Azzerare la produzione di carbonio per aiutare il pianeta

Il piano sarebbe quindi quello di ridurre l’emissione del gas principale responsabile della diffusione dell’effetto serra: il carbonio. Un obiettivo tanto ambizioso quanto costoso a causa della tecnologia a cui si dovrebbe fare ricorso per portare a casa dei minimi risultati. Le risorse messe attualmente a disposizione dal colosso americano ammontano a circa 1 miliardo di dollari. Il piano è stato presentato dal presidente dell’azienda Brad Smith assieme alla CFO Amy Hood e al CEO Satya Nadella, i quali hanno dichiarato che “Mentre il mondo dovrà raggiungere lo zero netto, quelli di noi che possono permettersi di muoversi più velocemente e andare oltre tale soglia dovrebbero farlo. Ecco perché oggi stiamo annunciando un obiettivo ambizioso e un nuovo piano per ridurre e infine rimuovere l’impronta di carbonio di Microsoft “, ha affermato il presidente Smith. “Entro il 2030 Microsoft sarà a emissioni zero ed entro il 2050 rimuoverà dall’ambiente tutto il carbonio che l’azienda ha emesso direttamente o per consumo elettrico dalla sua fondazione nel 1975.”

Il piano di Microsoft per avere emissioni negative di anidride carbonica entro il 2030

Quali sono le vie percorribili dall’azienda di Redmond

Fra le vie percorribili dall’azienda per realizzare questo temerario obiettivo la prima sarebbe sicuramente quella di acquistare tutta la propria energia elettrica esclusivamente da fonti rinnovabili, obiettivo che andrebbe raggiunto entro il 2025. Lo step successivo dovrebbe essere quello di diventare totalmente “Carbon-negative”. Altre potrebbero essere le vie percorribili, come quelle di far crescere nuove foreste, finanziare la costruzione di impianti di energia rinnovabile o, sicuramente la più percorribile, quella di alimentare la propria azienda da un punto di vista energetico solo attraverso fonti rinnovabili. 

Microsoft in realtà non produce emissioni di carbonio dal 2012. Questo è stato possibile grazie all’investimento in progetti di energia rinnovabile per poter bilanciare ulteriori emissioni.

Leggi anche -> Durban, Cina apre ad un’intesa sul clima e su emissioni CO2

Leggi anche -> Alberi artificiali. Dall’Inghilterra una scoperta per ridurre le emissioni co2

Leggi anche -> Allarme Co2, Omm: “Entrati in una nuova era del clima. Superata la soglia massima”

Leggi anche -> Effetto serra, fertilizzanti per ridurre le emissioni di CO2

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!