Vuole ringiovanire il viso, ex modella resta cieca. Tutta colpa di un’iniezione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:34

modella filler dermico visoL’ex modella Carol Bryan non riesce più a riconoscersi quando si guarda allo specchio.

Il trattamento di riempimento non solo le ha gonfiato enormemente il viso, ma le ha anche causato la totale cecità ad un occhio.

Carol, che all’epoca dell’intervento aveva 47 anni, voleva ringiovanire il suo volto, e per questo ha deciso di sottoporsi ad un trattamento che prevede l’iniezione di un filler dermico, che ammorbidisce le linee del viso e rallenta il processo di invecchiamento.

Tuttavia, nel giro di pochi mesi, i suoi lineamenti hanno cominciato ad apparire distorti e incredibilmente gonfi. L’aspetto irriconoscibile portava l’ex modella a rinchiudersi in casa senza farsi vedere da nessuno.

Carol ha dovuto affrontare una procedura chirurgica per cercare di correggere il danno provocato dal trattamento.

Carol sostiene la campagna per chiedere norme più rigorose

Oggi, dopo 11 anni, l’ex modella ha raccontato la sua esperienza per sostenere la campagna “Had Our Fill” di Fabulous: le ultime indagini hanno infatti rivelato che dozzine di persone nel solo Regno Unito sono rimaste cieche dopo essersi sottoposte all’iniezione dei filler dermici.

“È cambiato il modo in cui guardo la vita – ha detto Carol al quotidiano ‘The Sun’ – La tua faccia è il tuo biglietto da visita, è ciò che ti rende in grado di uscire e stare bene, e quando non hai più la faccia è difficile sapere come stai”.

La campagna di Fabulous richiede norme più rigorose per l’industria dei trattamenti cosmetici e sollecita le persone a fare opportune ricerche prima di sottoporsi a procedure che potrebbero causare enormi problemi.