Il mare siciliano restituisce i corpi di tre sub e cento kg di hashish: è giallo. Si cerca una nave affondata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:11

Uno dei misteri a cui gli inquirenti tanno cercando di dare un senso è quello della morte di tre sub ritrovati cadaveri sulle spiagge siciliane. Dal mare è emerso anche un carico di hashish

Il mare prende, il mare restituisce. Così, il mare ha preso la vita di tre sub che in queste ore sono stati ritrovati cadaveri sulle coste settentrionali della Sicilia. E , allo stesso modo, hanno iniziato ad apparire sulla sabbia (ma stavolta un po’ in tutta l’isola e non solo a nord) dei panetti di hashish per un totale di circa 100 kg di materiale stupefacente.

Nessuno ha denunciato la scomparsa dei sub morti e nessuno è andato a recuperare i panetti che sono arrivati a riva. Diverse sono le Procure siciliane che in questi giorni stanno cercando di venire a capo di quello che è un vero e proprio mistero. Per il momento, però, pare che queste tre oscuri decessi siano destinate a rimanere tali.

Ritrovati tre morti e 100 kg di hashish in Sicilia, in cinque spiagge siciliane il ritrovamento dei panetti di droga

Tre uomini che indossavano tre mute da sub identiche sono morti in mare. Non si sa dove, né quando, né in quali circostanze: si sa soltanto che, in questi giorni, le onde hanno trasportato i loro corpi a riva, su alcune spiagge della Sicilia settentrionale. Sono tre uomini di razza caucasica e i loro corpi non presentano segni evidenti di violenza, per cui è probabile supporre che la loro morte sia sopraggiunta per annegamento. Il mistero si infittisce se a queste tre tragiche apparizioni si aggiungono quelle relative a tanti panetti di hashish– ritrovati sempre in spiaggia e in cinque diverse zone dell’isola- per un totale di circa 128 kg. Un carico in piena regola che forse è da collegare all’attività dei tre uomini morti.

Stando a quanto emerge dalle prime indagini, si è scoperto che in Italia non è stata denunciata la scomparsa di sub. I corpi, come scrive la Repubblica, sono stati resi irriconoscibili dalla loro lunga permanenza in acqua. per quanto riguarda i panetti di hashish, invece, si tratta di pacchi tutti identici tra loro, confezionai alla stessa maniera e ognuno contenente 60 pacchetti da 50 grammi di materiale ciascuno (30 kg per ogni confezione). Per questo motivo, si ritiene altamente probabile che i panetti facessero tutti parte della stessa partita di droga.

Ritrovati tre morti e 100 kg di hashish in Sicilia, si cerca un relitto che potrebbe essere affondato un mese fa

Cinque Procure siciliane, di concerto con la Marina Militare, con le Capitanerie di porto e con i Carabinieri, stanno ora dunque lavorando su un’ipotesi che potrebbe portare alla verità. Bisogna, essenzialmente rispondere a una domanda fondamentale: esiste un collegamento tra i sub morti e i panetti di hashish? Si pensa che ci possa essere una nave che è affondata e che, probabilmente, stava seguendo la principale rotta seguita dal commercio di droga, e cioè quella che dal Marocco risale verso la Spagna e la Francia, toccando la Sardegna.

A metà dicembre, le acque di quella rotta furono agitate da una fortissima tempesta. L’idea, tutta da verificare, è quella che vede il relitto naufragato in quella circostanza risalente a circa un mese fa. Poi, i tre sub sarebbero stati incaricati di recuperare il prezioso carico ma avrebbero però perso la vita.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!