Domenica tragica sulla SS Jonio-Tirreno: morta una ragazza di 27 anni. Stava tornando a casa dopo il lavoro

Chiara Fava (27 anni) è deceduta domenica sera mentre percorreva  la Strada Statale 682 Jonio-Tirreno. È rimasta coinvolta in un incidente autonomo. La giovane tornava a casa dopo una giornata di lavoro

Chiara Fava è il nome della ragazza di 27 anni che domenica sera ha perso la vita sulla SS682, nota anche come Strada Jonio-Tirreno. La giovane donna si trovava a Vibo Valentia, dove lavorava presso un centro commerciale, e dopo aver concluso la su giornata si era messa in strada per ritornare a casa, in quel di Polistena. Purtroppo, la sua automobile è rimasta coinvolta in un sinistro mortale avvenuto all’altezza dello svincolo di Melicucco (Reggio Calabria).  Secondo quanto riportato da Il Messaggero, si sarebbe trattato di uno scontro frontale che ha coinvolto la vettura guidata da Chiara e un fuoristrada.

Scontro frontale sulla SS68 Jonio-Tirreno, Chiara Fava (27 anni) ha perso la vita domenica sera

Uno scontro frontale tra due automobili, una Lancia Y e un fuoristrada, avvenuto domenica sera all’altezza dello svincolo di Melicucco (SS682, in Calabria), ha decretato la morte della 27enne Chiara Fava. La donna si trovava alla guida della Lancia Y quando- per motivi che ora dovranno essere accertati dagli inquirenti– la sua vettura ha impattato frontalmente contro un fuoristrada che viaggiava sulla corsia con senso di marcia opposto.

L’impatto non ha lasciato scampo alla giovane Chiara, che è rimasta incastrata tra le lamiere ed  deceduta.

Scontro frontale sulla SS68 Jonio-Tirreno, al vaglio degli agenti della Polizia stradale la dinamica del sinistro

La prima ricostruzione dei fatti ci dice che la vettura guidata dalla vittima stava procedendo a una velocità di 60 km/h quando sarebbe stata travolta da un fuoristrada. Sul luogo del sinistro sono arrivati i soccorritori del 118, i Vigili del Fuoco di Siderno e gli agenti della Polizia Stradale. I Vigili del Fuoco hanno liberato Chiara dalle lamiere, ma il loro intervento si è rivelato ugualmente inutile

Sulla seconda vettura coinvolta viaggiavano tre persone: una di loro è rimasta ferita.

Maria Mento