Fine dell’era di Maio? Oggi il capo politico del M5S dovrebbe fare il passo indietro

Dovrebbe arrivare oggi l’addio di Di Maio come capo politico. Il M5S si avvia verso una gestione collegiale?

Giungerebbe questo pomeriggio, dopo settimane di rumors e indiscrezioni, la conferma dell’addio di Di Maio al ruolo di capo politico del M5S. La decisione, se confermata, verrà annunciata oggi pomeriggio, ma nella mattinata di oggi lo anticiperà a Palazzo Chigi ai Ministri pentastellati.

Gestione collegiale? Ci saranno dei “facilitatori”

Il (quasi ormai ex) leader del Movimento fa un passo indietro a pochi mesi dagli Stati Generali del M5S, convocati per metà marzo. Fine dell’epoca Di Maio, dunque? In sua assenza il movimento dovrebbe essere “retto” dal Comitato dei garanti, dove siedono il viceministro Giancarlo Cancelleri, la consigliera regionale Roberta Lombardi e il sottosegretario Vito Crimi che, in qualità di membro anziano del Comitato erediterebbe – in via transitoria – il ruolo di capo politico.

Le probabili dimissioni a pochi giorni dalle Regionali

Le dimissioni – o questo ipotetico passo indietro – arriverebbero in un momento caldo della stagione politica italiana. Fra cinque giorni infatti si svolgeranno le regionali in Calabria e in  Emilia Romagna. Queste ultime saranno il banco di prova dell’alleanza giallo – rossa.

Di Maio lascerebbe la “reggenza” del Movimento dopo due anni e tre mesi di leadership, durante i quali i consensi del Movimento hanno subito una profonda battuta di arresto. Ieri hanno lasciato il Gruppo alla Camera Nadia Aprile e Michele Nitti, annunciando il passaggio al Misto.