Presidente della Cina Xi in allerta per il coronavirus: la situazione degenera, il virus sempre più grave

Il Presidente Xi Jinping blocca la circolazione delle auto a Wuhan. Tensione anche con Paesi esteri: evacuati cittadini americani dalla città

Il Presidente Xi Jinping sta cercando disperatamente di mantenere il controllo della situazione nella Cina devastata dal coronavirus. Non riesce però a celare la grande preoccupazione per la rapida diffusione del virus, che nonostante le precauzioni, continua a diffondersi. 1300 persone sono state infatti oramai infettate dal virus letale che negli ultimi giorni ha causato la morte di ben 41 persone.

Bloccata la circolazione delle auto a Wuhan

Il Presidente della Cina ha deciso di vietare nell’area centrale della città di Wuhan la circolazione di veicoli non ritenuti essenziali, con il fine di contenere la diffusione del virus. Xi Jinping ha infatti affermato che, per mantenere una situazione di sicurezza nel Paese, «è necessario rafforzare la leadership centralizzata e unificata del Comitato Centrale del Partito», ribadendo che la Cina «potrà vincere la battaglia» contro il virus letale. Dichiarazioni che sono giunte dopo la riunione del comitato permanente dell’ufficio politico del partito comunista cinese, attualmente presieduto dai sette membri che hanno a carico la gestione politica della nazione.

Obbligo di evacuazione per i cittadini americani

Il Presidente Trump ha fatto sapere che, dalla giornata di domani, avvierà un’operazione di evacuazione dei cittadini e diplomatici americani presenti all’interno della città di Wuhan, epicentro di diffusione del virus letale, dove sono attualmente presenti anche cittadini italiani.

Leggi anche -> Coronavirus, l’epidemia apocalittica e la previsione di Bill Gates: l’ipotesi rilanciata dai tabloid

Leggi anche -> Coronavirus, su Instagram le spaventose immagini: alcune persone contagiate sarebbero morte

Leggi anche -> Paul Cascoigne ha mangiato il pipistrello legato al coronavirus ed è finito in ospedale

Leggi anche -> Cina, possibili nuove 1700 infezioni da coronavirus: quali rischi per noi?