La presenza di ghiaccio artico sul nostro pianeta è ai minimi storici: in 120mila anni mai così poco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:54

La ricerca del CNR mostra dati allarmanti. La presenza di ghiaccio artico si è diminuita drasticamente

Il clima sta cambiando, e non possiamo negarlo. La nuova ricerca condotta dall’Istituto di scienze polari (CNR-ISP) del Consiglio Nazionale delle Ricerche ha dimostrato, attraverso una ricostruzione storica dell’evoluzione dei ghiacci artici che la loro presenza sul pianeta Terra non è mai stata così bassa il ben 120mila anni.

I ricercatori dell’Istituto per giungere a questa tesi hanno estratto come campione una cosidetta “carota di ghiaccio”, (ovvero un sezione semicircolare di ghiaccio) nel 2015 in Groenlandia per esaminarlo. Dalle analisi chimiche del campione sono emersi dati poco rassicuranti, come ha spiegato uno degli autori della ricerca, Niccolo Maffezzoli: «I risultati mostrano che l’estensione media di ghiaccio marino presente durante gli ultimi 11mila anni dell’Olocene è stata inferiore a qualsiasi altro periodo precedente degli ultimi 120mila». Il ghiaccio è ritenuta una delle variabili climatiche fondamentali su cui la ricerca da tempo si sta concentrando, valutandolo soprattutto come uno dei fattori decisivi nell’analisi del cambiamento climatico.

La ricerca è stata condotta con tecnologie di precisione (spettroscopia di massa) che hanno permesso di ottenere risultati più precisi possibili che hanno dimostrato l’evidente aumento della temperatura. Le ricerche condotte fino ad ora con misurazioni moderne sono abbastanza recenti: le osservazioni satellitari sull’Artico sono state disponibili solo a partire dagli anni ’80. Molti ricercatori sono concordi nell’approssimare la scomparsa totale di ghiaccio dall’Oceano Artico durante l’estate nel giro di pochi decenni. 

Mappa della moderna era glaciale del Mar Glaciale Artico mostrata in condizioni estreme rappresentative: massimo invernale (febbraio 1987, a ) e minimo estivo (settembre 2012, b ). I nuclei marini discussi nel testo sono indicati da diamanti colorati.I dati sull’era glaciale del mare provengono da NSIDC / NASA (v.3) ( Tschudi et al. , 2016 ) .

Leggi anche -> Cambiamento climatico killer: in Italia dati allarmanti, con 20mila vittime a causa del maltempo

Leggi anche -> Cambiamento climatico, da Washington l’alt a un rapporto che smentisce Trump e parla di catastrofe

Leggi anche -> Ex capo della Difesa Australiana: “La civiltà umana finirà nel 2050. Il cambiamento climatico è una minaccia alla nostra esistenza”

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!