Bossi a Gad Lerner: “Salvini sta sbagliando puntando al sud”. Ma piovono critiche sull’intervista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:06

Umberto Bossi ha confidato i propri malumori a Gad Lernern in un’intervista in cui critica la strategia di Salvini di puntare ad allargare i consensi al sud.

La sconfitta della Lega in Emilia Romagna ha momentaneamente ridimensionato le mire del partito guidato da Salvini. Sull’onda dei risultati del 2019, il leader leghista era convinto di poter prendere il comando in uno dei feudi storici della sinistra. I risultati, però, non sono stati quelli sperati, il perché secondo Umberto Bossi è semplice: Salvini ha sbagliato strategia. Il fondatore della Lega, per problemi di salute ormai distante dai palchi e dalla guerra ai seggi, ritiene che il suo successore abbia intrapreso una strada pericolosa. Si riferisce a quella di puntare sul sovranismo e sul populismo, invece che sugli obiettivi storici del partito.

Intervistato da Gad Lerner, Bossi ha spiegato che l’errore principale di Salvini sarebbe stato quello di concedere “uno spazio che doveva essere il suo”. A suo avviso infatti gli emiliani puntavano da tempo ad agganciarsi al treno di Veneto e Lombardia, dunque la mossa vincente sarebbe stata quella di puntare ad un regionalismo differenziato, mossa che avrebbe decretato la vittoria di Boccaccini.

Per Bossi non è tardi per cambiare rotta

Bossi non si limita a criticare la posizione presa da Salvini in Emilia Romagna, ma ritiene che la sua idea di puntare ad allargare l’elettorato al sud sarà alla fine perdente. Questo perché i votanti della Lega sarebbero maggiormente interessati a capire se il partito fa gli interessi del nord: “Se trasferisci la Lega al Sud, poi diventa più difficile chiedere il voto alla Lombardia, al Veneto e all’Emilia. La gente si chiede: la Lega fa ancora gli interessi del Nord, sì o no? Basta fare due conti. Più della metà degli elettori italiani vive sopra il Po. Se perdiamo questi, è finita”. A suo avviso proprio i risultati delle ultime tornate elettorali sarebbero la dimostrazione di questo errore: “La strategia di andare al Sud è entrata in crisi. Torniamo indietro fin che siamo in tempo. Sono convinto che l’autonomia è una meta che raggiungeremo, per questo tengo duro”.

Le critiche all’intervista di Gad Lerner

Da tempo si sa che i rapporti tra Bossi e Salvini non sono di certo idilliaci, come anche che ci sono alcuni esponenti della Lega che non approvano le decisioni prese dal leader del partito. C’è però chi appoggia fermamente l’attuale leader e ritiene che l’intervista fatta da Gad Lerner sia meschina. Tra questi Paolo Becchi che dopo la pubblicazione dell’articolo su ‘Repubblica’ ha twittato: “L’intervista fatta oggi a Umberto Bossi da Gad Lerner su Repubblica è un esempio di meschinità e di grettezza: utilizzare un uomo in cattive condizioni di salute per danneggiare chi ora sta guidando la Lega supera i limiti della decenza”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!