Chi è Myss Keta, coconduttrice dell’Altrofestival e protagonista del duetto con Elettra Lamborghi a Sanremo 2020?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:11

Chi è Myss Keta, prossima conduttrice del Dopo Festival?

Se lo saranno chiesti in tanti, specialmente tanti boomer, dopo aver sentito il nome di Myss Keta.

Myss Keta è una delle artiste del momento, indubbiamente.

I suoi concerti fanno sold out, le sue tracce centinaia di migliaia di ascolti, le sue apparazioni televisive semplicemente culto.

A rendere Myss Keta di culto è anche il fatto che la sua identità rimanga ignota, celata dietro un velo.

Qualche tempo fa uscì un leak di una foto che la ritrarrebbe senza maschera. Rilanciammo anche noi la foto, ma non siamo certi sia lei e non è nemmeno tanto importante.

Ciò che importa è ciò che Myss Keta rappresenta: un esempio di profondo girl power, di cui si sente particolare bisogno nel paese delle gaffe sessisste.

Chi è Myss Keta? Brevi cenni biografici

Ci affidiamo a Wikipedia, che usa le parole meglio di come potremmo fare noi nel nostro poco tempo a disposizione: “Myss Keta nasce ad agosto 2013 da un’idea del collettivo Motel Forlanini, interessato a cogliere lo Zeitgeist della cultura underground di Milano”.

Lo Zeitgeist, l’esprit du temps, che Myss Keta ha tratteggiato nelle sue canzoni, a partire dal suo primo singolo – dal titolo emblematico – ‘Milano, sushi e coca”. Da quel momento sono usciti altri singoli, un mixtap, un EP e due album (parlammo tempo addietro della pazzeska traccia ‘Pazzeska’, traccia che suona così bene che anche la mia ragazza, che italiana non è, ne è stata in fissa per un periodo).

Adesso – come annunciato durante la conferenza stampa tenuta da Amadeus per l’edizione 2020 del Festival di Sanremo – sarà la co-conduttrice del Dopo Festival, che da quest’anno si chiama L’Altrofestival e andrà in onda su Rai Play.

Già spesso presente sul piccolo schermo, Myss Keta diventa ora ufficialmente mainstream, ma è anche giusto così.

Non ha mai fatto mistero – assieme alle sue ragazze di Porta Venezia (di cui vorrei far parte anche io e di cui vi propongo di seguito il video manifesto) – di volersi prendere tutto.

Chi è Myss Keta, protagonista del duetto con Elettra Lamborghini?

Doveroso l’editing del pezzo in corso d’opera – nei giorni di Sanremo 2020.

Myss Keta (che è la mattatrice dell’Altrofestival – gradevole format di cui abbiamo scritto quest’oggi 6 febbraio) sarà protagonista stasera di un duetto con Elettra Lamborghini, ereditiera, influencer, personaggio televisivo e chi più ne ha più ne metta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Le ragazze sono pronte per #Sanremo2020 !! 👸🏽💅🏻👸🏼NON SUCCEDERA’ PIÚ feat MYSS KETA 👑 #pazzeske #iconike

Un post condiviso da Elettra Lamborghini (@elettramiuralamborghini) in data:

Myss Keta e la Lamborghini canteranno ‘Non succederà più’, canzone cantata da Claudia Mori al Festival di Sanremo del 1982.

La canzone rappresenta la risposta ad un uomo troppo amato e troppo spesso lasciato a vivere la propria libertà. Una canzone letta ai tempi come una conferma del presunto tradimento del marito Adriano Celentano con Ornella Muti sul set di Innamorato pazzo.

Nella serata dedicata alle cover delle canzoni che hanno fatto la storia di Sanremo Elettra Lamborghini ha scelto questa canzone che sul palco dell’Ariston fu cantata ma che non entrò nel concorso: con ogni probabilità ci saranno polemiche per la scelta, ma noi dal canto nostro non vediamo l’ora di vedere Myss Keta sul palco.

R.D.V.