Lei voleva il divorzio, lui no: la uccide e si toglie la vita. L’omicidio-suicidio e il dramma degli amori malati

Anna Marochkina (33 anni) è stata uccisa dal marito Andreas Pedersen (39), che poi si è tolto ala vita, in quel di Piossasco (Torino). La coppia era spostata da 5 anni ma lei voleva andarsene

Ancora una richiesta di separazione non accettata fino in fondo. Ancora un omicidio-suicidio commesso da chi aveva giurato amore per la vita. La popolazione di Piossasco (centro in provincia di Torino) stamane si è destata e ha scoperto che Anna Marochkina (33 anni) e il marito Andreas Pedersen (39 anni) non c’erano più. La coppia, di chiare origini straniere ma ormai residente in Italia da diverso tempo, stava attraversando una pesante crisi che il 39enne non aveva mai accettato. Il loro matrimonio, dopo cinque anni, sembrava essere giunto al capolinea: Anna aveva chiesto il divorzio. Andreas, pur di non lasciarla andare, ha deciso di ucciderla e di uccidersi a sua volta.

Omicidio-suicidio a Piossasco, Anna Marochkina è morta perché voleva divorziare

Piossasco (Torino). Intorno alle ore 04:00 di questa mattina, in un appartamento sito in Via Robert Capa, Andreas Pedersen (39 anni) ha ucciso la moglie Anna Marochkina (33 anni). Lo ha fatto utilizzando un’arma da taglio che poi ha rivolto contro se stesso, uccidendosi. Li hanno trovati i Carabinieri: per i due non c’era più nulla da fare.

Danese lui, russa lei, Andreas e Anna erano sposati da 5 anni. Lui era un perito grafico e dal 2008  portava avanti l’azienda “AP Service 3D” da lui fondata proprio a Piossasco. Anna era un architetto e lavorava a Rivalta (Torino).

Pare che l’omicidio-suicidio sia scaturito da un litigio nato a causa del divorzio che la donna voleva ottenere. Secondo quanto riportato da La Stampa, la coppia avrebbe iniziato a litigare in soggiorno perché il 39enne si opponeva alla richiesta di separazione avanzata dalla donna. Quando i toni si sono inaspriti, l’uomo ha afferrato un coltello da cucina e l’ha colpita alla gola.  Dopo ha deciso di farla finita.

Omicidio-suicidio a Piossasco, i vicini di casa hanno chiamato i Carabinieri

Il tragico litigio tra Anna e Andreas è stato avvertito dai vicini di casa, i quali hanno chiaramente sentito le urla provenienti dall’appartamento e le richieste di aiuto lanciate dalla donna. Proprio la chiamata dei vicini di casa al numero di emergenza ha consentito ai Carabinieri di intervenire, anche se troppo tardi. I primi a entrare nell’appartamento sono stati i Vigili del Fuoco. I militari, entrati subito dopo, non hanno potuto fare altro che  scoprire i corpi dei coniugi.

Maria Mento