Birra, brandy e rum dai rubinetti di casa: è caos per i residenti di un condominio indiano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:24

Alcool dai rubinetti

Curiosa situazione per un condominio che, aprendo i rubinetti di casa, si è trovato a veder scorrere alcolici anzichè acqua.

Le famiglie sono andati a riempire i bollitori ai rubinetti delle proprie residenze, ma al posto dell’acqua sono fuorisciti birra, brandy e altre bevande alcoliche.

Il bizzarro incidente è avvenuto in un complesso di appartamenti nella città di Chalakudy, nel Kerala, nell’India sud-occidentale e la notizia è stata riportata dal Daily Star.

Almeno 18 case sono state colpite dall’inaspettato “bonus alcolici” di lunedì. Il proprietario dell’edificio, Joshy Malliyekkal, ha spiegato come il condominio sia servito dall’acqua del pozzo. “Alle 4 di lunedì, i nostri vicini che hanno bambini che vanno a scuola ci hanno telefonato dicendo che l’acqua dei rubinetti aveva un cattivo odore” ha spiegato l’uomo.

“La madre si preparava a cucinare per i bambini quando ha notato il forte odore. In breve tutte e 18 le famiglie hanno lamentato la stessa cosa.”

Dopo alcune indagini, la sorpresa alcolica è stata fatta risalire all’irruzione dei funzionari delle dogane e delle accise in un bar vicino.

“Accanto al nostro appartamento si trova il bar Rachana”, ha spiegato Joshy a The News Minute: “Sei anni fa, questo bar è stato chiuso e il loro magazzino di liquori sigillato dal dipartimento delle accise. Ora, il dipartimento ha completato le formalità relative allo smaltimento del liquore e i funzionari hanno versato tutto il liquore sigillato in una fossa scavata all’interno del complesso”.

Ma la fossa era molto vicina a un pozzo che serviva il condominio. L’enorme quantità di alcol ha attraversato il muro, rovinando circa 20.000 litri di acqua potabile destinati alle 18 famiglie.

Acqua non potabile, la reazione del condominio

“L’intero appartamento è stato paralizzato a causa di questo atto negligente da parte del dipartimento delle accise”, ha detto Joshy. Il problema ora è stato risolto, con l’installazione di un serbatorio separato e da due linee di collegamento idrico fornite agli appartamenti.

Tuttavia, non è sufficiente, afferma: “Presenteremo reclami al raccoglitore distrettuale, al dipartimento sanitario, al comune, al commissario di polizia di Thrissur, al MLA e al parlamentare, fino a quando non verranno prese delle misure contro i criminali delle accise”.

Per l’uomo infatti: “l’intera esperienza è stata molto traumatica per noi. I miei figli non sono andati a scuola per due giorni. Abbiamo dovuto ricorrere a bottiglie di acqua minerale tutta la domenica ”.

Il vice commissario per le accise, TK Sanu, ha risposto, spiegando che i funzionari guidati dall’ispettore del circolo Irinjalakkuda non erano a conoscenza della presenza di un pozzo aperto nelle vicinanze.

“Se dobbiamo scaricare un’enorme quantità di liquori, di solito ricorriamo a opzioni come le distillerie. Ma qui c’erano solo 2.000 bottiglie, così hanno deciso di smaltirl scavando una fossa.”

Il dipartimento delle accise ha iniziato a drenare l’acqua dal pozzo aperto. Il proprietario del bar si è anche offerto di pagare per l’acqua minerale da fornire ai residenti dell’appartamento, fino alla riparazione del pozzo.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!