Bambino affetto da malattia degenerativa ai polmoni torna a respirare: merito delle cellule staminali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:04

Un bimbo di quattro anni affetto da una malattia degenerativa ai polmoni è tornato a respirare grazie ad una terapia a base di cellule staminali.

Le condizioni di vita di un bambino di quattro anni, ricoverato da due anni e mezzo all’ospedale Buzzi di Milano, sono migliorate in maniera decisa grazie ad una terapia sperimentale. A causa di una malattia degenerativa ai polmoni che causava la distruzione progressiva degli alveoli nei polmoni, il piccolo paziente dell’ospedale pediatrico era bloccato a letto e collegato a respiratori artificiali per 24 ore al giorno.

Leggi anche ->Cancro, l’assenza di gravità fa morire le cellule tumorali: le rivelazioni di alcuni ricercatori australiani

I medici hanno proposto dunque ai genitori una terapia sperimentale a base di cellule staminali mesenchimali già applicata ad alcuni adulti per patologie polmonari differenti. Questi hanno firmato il consenso alla procedura e dopo un periodo di osservazione si è arrivati ad un miglioramento deciso delle condizioni di salute del piccolo.

Leggi anche ->Cellule staminali per curare i fegati dei neonati. La tecnica può “ritardare” il trapianto

Rigenerato il polmone di un bambino grazie alle cellule staminali

Le cellule staminali, infatti, hanno contrastato l’effetto degenerativo della malattia e permesso la formazione di alveoli nei polmoni. Adesso il piccolo paziente è in grado di respirare per 20 ore al giorno. Al momento si tratta di una cura sperimentale il cui protocollo è stato ideato da Gloria Pelizzo, primario di chirurgia dell’ospedale pediatrico lombardo.

Proprio il primario ha spiegato ad ‘Ansa‘, che la sua terapia necessita ancora di una fase di sperimentazione per poter diventare una cura: “Rientra tra le terapie compassionevoli, perché ancora non approvate. Vogliamo trovare una speranza anche per altre malattie malformative e degenerative respiratorie, non solo pediatriche. Dopo il secondo ciclo, contiamo di arruolare bambini con altre patologie respiratorie”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!