Frecciarossa deragliato a Lodi, automobilista si distrae per guardare le carrozze: morta una ragazza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:32

Il Frecciarossa deragliato a Lodi dieci giorni fa ha indirettamente mietuto una terza vittima. Le carrozze incidentate- che oggi saranno rimosse- hanno attirato l’attenzione di un automobilista: la sua distrazione è costata la vita a una ragazza

La distrazione potrebbe essere la causa scatenante dell’incidente mortale che si è verificato nel lodigiano nella notte del 15 febbraio 2020. Un Suv ha avuto un incidente autonomo nei pressi di una piazzola di sosta, si è ribaltato e ha successivamente preso fuoco. È successo, intorno alle ore 04:30 del mattino, nel tratto di Autostrada del Sole che è compreso tra Casalpusterlengo e Lodi.

Da quel punto si vedono (ma ancora per poco, visto che oggi sono iniziate le operazioni di rimozione) le carrozze distrutte del Frecciarossa che il 6 febbraio è deragliato, uccidendo i due macchinisti e ferendo 31 passeggeri. A bordo del Suv c’erano due ragazzi e due ragazze, tutti e quattro di età compresa tra i 20 e i 25 anni. Il ragazzo che guidava la vettura, secondo quanto riporta Il Giornale, avrebbe provato a vedere i rottami del treno, deconcentrandosi sulla guida e causando così il sinistro. Una delle ragazze che si trovava a bordo della vettura è morta.

Incidente stradale mortale nel lodigiano, forse le carrozze del Frecciarossa deragliato hanno distratto il conducente

Una ragazza di 21 anni è morta, un’altra di 26 anni è rimasta gravemente ferita e altri due ragazzi di 25 e 20 anni sono feriti ma non rischiano la vita. È questo il tragico bilancio di un incidente mortale che è avvenuto la scorsa notte in autostrada, nel lodigiano. Secondo le prime ricostruzioni della vicenda e le prime testimonianze rilasciate in maniera confusa dai due ragazzi, pare che uno dei due (e cioè quello che si trovava alla guida del Suv incidentato che trasportava i quattro giovani) abbia cercato di rintracciare con lo sguardo le carrozze del Frecciarossa deragliato lo scorso 6 febbraio, fino a oggi ancora ferme sui binari.

Questo potrebbe significare che il giovane potrebbe aver perso il controllo della vettura per questo motivo. Il Suv, un Nissan Juke, è andato a impattare all’altezza di Villanova del Sillaro, proprio nel tratto autostradale in cui si trova una piazzola di sosta. L’auto si è ribaltata e ha preso fuoco. Quando i soccorritori sono arrivati hanno riscontrato il decesso della ragazza, una 21enne originaria di Santo Domingo ma residente a Parma. L’amica 26enne è stata trasportata con l’elisoccorso all’Ospedale San Gerardo di Monza. i due ragazzi sono invece ricoverati presso l’Ospedale di Lodi.

Adesso si dovrà fare chiarezza sulla dinamica del sinistro e accertare  i fatti, cercando di capire se veramente si sia trattata di una distrazione rivelatasi fatale.

Incidente stradale mortale nel lodigiano, parla il Prefetto

I tragici fatti legati al deragliamento del Frecciarossa hanno scatenato una curiosità malsana, così come troppo spesso succede in casi di tragedie similari. Non di rado capita che si inizi anche a praticare un turismo del macabro per il piacere di poter dire di essere stati in un luogo specifico o di aver fatto delle foto.

Del fatto ci siano troppi curiosi intorno alle vetture del treno incidentato, e specialmente su quel tratto di autostrada, è convinto anche Marcello Cardona (Prefetto di Lodi). “Il problema è reale e la polizia stradale sta cercando di gestirlo al meglio”, ha detto il Prefetto. Per poi concludere con un “Siamo sicuri del fatto che se ne occuperà con più pattuglie al giorno”.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!